Ultimo week-end di primavera all'Elba tra delfini veri e squali fantasma

Mentre sui social circola la fake news dell’attacco di uno squalo, nell’isola i passeggeri della motonave Principe godono dello spettacolo regalato dai delfini

Lo squalo attacca una barca all'Elba, ma è una bufala

Capoliveri. Da una parte la grande bellezza del mare e della natura elbana. Dall’altra la solita bruttezza delle fake news sui social che citano a sproposito l’isola per creare allarmismo. È quanto sta accadendo in questo ultimo e caldissimo week-end di primavera. L’estate comincia ufficialmente tra 24 ore ma tanti turisti sono già nell’isola a godersi il mare. Alcuni di loro sono stati così fortunati da poter navigare accompagnati dai delfini a largo di Capoliveri. Altri invece si sono visti arrivare sul telefonino un video con uno squalo che attacca un’imbarcazione. «È avvenuto all’Elba», sostenevano i soliti male informati. In realtà il video gira da giorni e in passato è stato segnalato come realizzato in Liguria.


La capitaneria di porto non ha ricevuto alcuna segnalazione, mentre Yuri Tiberto (responsabile dell’acquario dell’Elba) e altri amanti del mare hanno cancellato in pochi minuti tutti i dubbi: «È un video bellissimo, ma non è girato nel mare dell’isola. Un paio di giorni fa circolava sui social e il fatto veniva localizzato a Portovenere. Siamo davanti a uno splendido esemplare di squalo Mako che morde l’elica di un motore. Un situazione che non si vede spesso, ma che non è nemmeno tanto rara perché gli squali sono attratti dai campi magnetici. In ogni caso possiamo dire con certezza che non è girato nelle acque dell’Elba».

Nuotava nel mare dell’isola, invece, il branco di delfini in cui si è imbattuta la motonave Principe (che staziona a Marina di Campo) condotta dal comandante Silverio di Meglio. Al ritorno da una gita alle isole Gemini di Capoliveri, l’imbarcazione è stata avvicinata dai mammiferi per la gioia dei passeggeri a bordo. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA