Contenuto riservato agli abbonati

Rimosse le panchine usate dai pensionati, per la Capitaneria non sono decorose

Gli spazi vuoti davanti all’autorità portuale a Rio Marina dove prima si trovavano le panchine

Rio Marina, stop ai “bivacchi” fronte mare davanti all’autorità portuale Corsini: «Fatico a pensare che gli anziani siano un pericolo»

RIO MARINA. Per la Capitaneria sono contro il decoro, per i cittadini (e a ruota i politici) sono un simbolo. E così scoppia la polemica per la rimozione di quattro panchine (ricercate e usate da pensionati), proprio davanti all’ufficio locale marittimo, nella zona portuale.

A sollevare per primo la vicenda è stato il blog “Il Vicinato”, schierato dalla parte di anziani e disabili che non avranno più l’opportunità di stare all’ombra fronte mare, per trascorrere alcune ore del pomeriggio. La polemica si è così presto infiammata in paese da indurre il sindaco Marco Corsini a chiarire gli aspetti della vicenda, chiamando in causa l’Autorità portuale (responsabile unica della vicenda). «Il dilemma è – aggiunge Corsini – la rimozione è temporanea o definitiva?». Tutto deporrebbe sulla scelta definitiva, secondo il sindaco, a causa della richiesta della locale Capitaneria che non le vorrebbe più per motivi di sicurezza e di decoro. Motivazioni che non trovano concorde il primo cittadino. «Le panchine – prosegue Corsini – erano collocate lì da tempo immemorabile, senza che nessuna sicurezza sia mai stata messa in pericolo o in discussione. Faccio fatica a pensare che poche persone anziane lì sedute costituiscano un pericolo per la sicurezza di un’area che non è militare, ma è portuale. Quanto al decoro, che sarebbe compromesso dal saltuario bivacco fatto sulle panchine, fa altrettanto sorridere che un ente che ha poteri sanzionatori e repressivi, e anche coercitivi, chieda di porre rimedio in questo modo. Il bivacco si combatte punendo il bivacco, visto che lo può fare lo può fare, non eliminando le panchine».


E assicura i cittadini di farsi «interprete e portavoce del sentimento popolare» invitando l’Autorità Portuale a un ripensamento della scelta progettuale. «Rammento – conclude Corsini – che nei riqualificati giardini di Rio Marina vi sono comunque tanti posti di accoglienza, di ritrovo e di riposo. E molte panchine, e nuove, l’Amministrazione ne ha messe dappertutto».

Anche il capo gruppo di minoranza in consiglio comunale, Umberto Canovaro ha voluto chiarire la posizione dell’opposizione, informando di essersi attivato presso l’Autorità portuale al fine di conoscere le cause di una simile e di farle rimettere. «Comunque vada – è la posizione di Canovaro – c’è da essere sconcertati di fronte all’insensibilità di chi vuol togliere un gradito spazio di aggregazione a un gruppo di anziani. Ma anche di chi minimizza che in fondo sono quattro panchine e i vecchietti possono andare da un’altra parte. C’è da rimanere veramente allibiti di fronte a chi non capisce che una scelta inspiegabile come questa, appare in paese come l’ennesima ingiustizia». –

© RIPRODUZIONE RISERVATA