Droga nascosta in auto e a casa Venturinese ai domiciliari

Durante un controllo stradale i carabinieri hanno trovato hashish e Mdma  Denunciata una giovane di 17 anni. L’accusa è detenzione a fini di spaccio  

rosignano. Li hanno fermati per un controllo e hanno trovato, nascosti nell’auto, hashish e Mdma. Ritenendo che potessero essere collegati a spaccio di sostanze stupefacenti, i carabinieri hanno perquisito l’abitazione di uno dei due, trovando altra droga. È con l’accusa di detenzione di detenzione a fini di spaccio in concorso che sono stati disposti gli arresti domiciliari per Fortunato Carmelo Paradisi, 21 anni di Venturina Terme ed è stata denunciata a piede libero una ragazza di 17 anni di Cecina.

È successo tutto giovedì scorso. I carabinieri della stazione di Rosignano Marittimo, che rientrano nella Compagnia di Cecina guidata dal capitano Christian Bottacci, stavano effettuando dei controlli sul territorio. Intorno alle 18 hanno fermato sulla via Aurelia, poco dopo Quercianella, una Ford Puma proveniente da nord. Nell’auto c’erano due persone, che sono state anche sanzionate per violazione delle norme anti Covid perché si erano spostate senza giustificato motivo dai loro comuni di residenza.


L’atteggiamento tenuto dai due, considerato dai carabinieri schivo e agitato, ha reso sospettosi i militari, che hanno deciso di effettuare un controllo più approfondito sull’auto.

Dopo aver richiesto di aprire il baule e i vani portaoggetti del veicolo, i carabinieri hanno trovato oltre 300 grammi di hashish, 3,740 grammi di cocaina contenuti in un involucro di cellophane termosaldato, mille euro in contanti e una bilancina elettronica di precisione.

A quel punto i carabinieri di Rosignano, pensando alla possibilità di spaccio e operando insieme al nucleo operativo di Cecina, hanno perquisito la casa di Paradisi a Venturina. Lì hanno trovato 34,64 grammi di hashish, costituito da un panetto confezionato con cellophane trasparente, altri 89,65 grammi di hashish, in parte suddiviso in piccole confezioni termosaldate, 107,85 grammi di droga mdma, parte della quale contenuta in numerosi involucri di cellophane termosaldati, 240 euro in contanti e una bilancina elettronica di precisione.

Droga e soldi sono stati sequestrati e il ventiduenne è stato sottoposto agli arresti domiciliari, su disposizione del giudice competente al tribunale di Livorno, mentre la diciassettenne è stata denunciata a piede libero al tribunale dei minori di Firenze.

A entrambi è contestato il reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio in concorso. E per entrambi i giovani è arrivata anche la multa per aver violato le restrizioni sui movimenti previste dal decreto anticovid attualmente in vigore per quanto riguarda le Regioni in zona rossa. –

C. G.

© RIPRODUZIONE RISERVATA