Mountain bike, Capoliveri passa l’esame: «Fare meglio di così? Non è possibile»

Il bilancio di Bike Park e Comune dopo quattro giorni di gare e spettacolo: «Questo percorso è una palestra per il futuro»

CAPOLIVERI. Abbiamo ospitato per la prima volta una tappa di cross country e siamo molto contenti di aver proposto questo percorso tutto nuovo. È stato un successo. La location ha aiutato e le giornate erano bellissime».

Così Maurizio Melis, presidente della Capoliveri Bike Park commenta il weekend pasquale che ha portato all’Elba i più grandi campioni del cross country per gli Internazionali d’Italia Series. Tutti entusiasti del percorso di gara e dello spettacolo che hanno goduto durante il percorso nella miniera. «I ragazzi del Capoliveri Bike Park – aggiunge – hanno fatto un grosso lavoro. La disciplina del cross country è la regina della mountain bike e noi abbiamo voluto creare un percorso che potesse diventare anche una palestra per il futuro».


Un lavoro che ha impegnato i volontari anche sul piano della sicurezza e dei protocolli anti Covid. «Ci siamo attenuti ai protocolli previsti per le manifestazioni sportive – spiega ancora Melis – quindi precluse al pubblico. Partecipanti e accompagnatori erano censiti e controllati. Tutti sono stati sottoposti a controllo all’inizio dei gate e anche nella zona di gara».

Chi è arrivato dall’estero è stato sottoposto a tampone. «Tutti hanno avuto un comportamento encomiabile, non c’è stato alcun intoppo e la gara si è svolta in sicurezza – aggiunge – Voglio ringraziare tutti, anche i volontari di Novac, Racchetta, i medici la Pubblica assistenza di Capoliveri, l’amministrazione. È stata una grande opportunità».

La Gestione associata per il turismo considera la manifestazione importante per la visibilità dell’Elba come meta per l’outdoor. «Non poteva andare meglio – conferma il coordinatore Niccolò Censi – sono andato a vedere la gara degli Juniores e ho visto un’organizzazione impeccabile dal punto di vista sportivo e della sicurezza. Avere tanti ragazzi giovani che praticano questo sport ci permette di far vedere all’Italia e non solo, la bellezza che offre l’Elba. Un altro tassello nel ventaglio dei numerosi eventi che fanno conoscere l’isola non solo come paradiso del mare ma anche dell’outdoor. Un ringraziamento da parte di Capoliveri e di tutta l’Elba ai volontari senza i quali non sarebbe possibile organizzare eventi di tale portata».

Si dichiara orgoglioso del territorio e della sua gente l’assessore capoliverese Alessio Bellissimo, per queste «quattro giornate intense di puro sport e grande passione e dedizione di tutti gli organizzatori e naturalmente dei grandi campioni protagonisti». «Dobbiamo dire grazie a tutti i ragazzi dell’Asd Capoliveri Bike Park – prosegue – per quanto hanno fatto e a tutte le associazioni di volontariato che hanno supportato l'evento garantendo sicurezza e organizzazione, assicurando il rispetto di tutte le normative anticovid in vigore a tutela della salute di tutti anche con l'installazione di polo medico e tenda anti covid pronti ad eseguire tamponi».

Che la Xco sia stata una bellissima opportunità ne è convinto anche il sindaco ci Capoliveri, Walter Montagna: «Abbiamo dimostrato che Capoliveri e l'Isola d'Elba hanno davvero tutti i requisiti per offrire splendide occasioni di sport ad altissimo livello. L'amministrazione – termina – crede molto in queste iniziative e continuerà a fare la sua parte perché si continui a lavorare sempre in questa direzione». —