Progetto #Elba2035, l’isola pensa al futuro

Un’escursione all’isola d’Elba (foto Roberto Ridi)

Oggi si conclude il percorso lanciato da Acqua dell’Elba ultima tappa per dare forma al Manifesto sulla sostenibilità

PORTOFERRAIO. Rotta verso un’Isola d’Elba ancora più bella e sostenibile. Elba 2035, il progetto di ascolto e ingaggio del territorio promosso da Acqua dell’Elba e coordinato da EY (network mondiale di servizi professionali di consulenza direzionale) arriva alla sua terza e ultima tappa.

Obiettivo dell’ultimo incontro: mettere a punto il primo manifesto di sostenibilità dell’Isola d’Elba e ispirare l’avvio di progetti specifici ad esso collegati. Un confronto attivo al quale hanno preso parte circa 50 selezionati portatori di interessi elbani e non: oltre ai sette sindaci dell’isola, i rappresentanti locali delle associazioni ambientaliste, della realtà che operano nella gestione delle risorse territoriali e turistiche, delle aziende operanti nelle infrastrutture, delle associazioni culturali e della scuola.


Tra di essi anche personalità nazionali di spicco, tra cui il neo ministro dei Trasporti del governo Draghi, Enrico Giovannini che ha supportato il progetto all’inizio del suo percorso, contribuendo a incanalare la discussione lungo i giusti binari. Dal processo di ascolto è emersa l’esigenza di concentrarsi su 3 temi principali.

Ambiente e bellezza

Ecco le idee emerse dagli incontri: porsi come punto di riferimento internazionale gli obiettivi di neutralità climatica, tutelare il mare tramite la promozione della sua bellezza, valorizzare ancor di più la straordinaria biodiversità dell’isola, e pensare ad una gestione sempre più responsabile di acqua e rifiuti.

Turismo sostenibile

L’obiettivo è aumentare e migliorare i servizi per il territorio, puntare su una governance della sostenibilità ambientale e favorire una mobilità di tipo sostenibile e car-free meno impattante.

Cultura e lifestyle

L’idea è favorire lo sviluppo e la formazione strategica del capitale umano, promuovere investimenti per lo sviluppo sostenibile, incrementare i servizi per il territorio e valorizzare tradizioni, patrimonio storico ed enogastronomica dell’isola.

La terza tappa

Oggi i vari attori coinvolti si confronteranno un’ultima volta per affinare le tante idee emerse in questi mesi di lavoro, analizzando anche le proposte pervenute dalla popolazione all’indirizzo elba2035@acquadellelba.it. Dal confronto scaturirà la versione finale del Manifesto sulla sostenibilità dell’isola d’Elba, che verrà presentato ufficialmente il 2 luglio 2021 durante la giornata di inaugurazione della terza edizione di SEIF (www.seessence.eu). —

© RIPRODUZIONE RISERVATA