Il nuovo Conad apre le porte e riqualifica un pezzo di città

Piombino, taglio del nastro di una struttura costata 10 milioni. Oggi spazio ai clienti nel supermercato da 1500 metri quadri

PIOMBINO. Chi ha memoria coglie al volo la differenza. Non serve andare troppo a ritroso. È da giugno 2019 che le cose hanno iniziato a trasformarsi. Lì dove c’era il capannone fatiscente dell’Aurelia Edilizia, in via Maestri del lavoro, si è scritto una pagina nuova. La costruzione del nuovo supermercato Conad, che oggi apre alle vendite, ha riqualificato uno spicchio di città che da anni versava in condizioni di abbandono e degrado. Una macchia nel quartiere Perticale. Sono serviti più o meno quattro anni per rendere possibile l’operazione che fa capo alla Etrusco Srl, di cui è presidente Antonio Cavicchi. Chiudere il punto vendita di via Lerario per realizzarne uno nuovo, più ampio e moderno. E far spazio nell’immobile liberato a un’altra attività commerciale, l’accordo è chiuso da tempo con Maury’s.

Il segno va oltre il recupero di un’area. Chi invita a leggerlo con la lente dell’urbanista mette in fila più di un punto: si sono create le condizioni per favorire l’investimento privato, senza consumo di nuovo suolo ma recuperando un’area che nel tempo non aveva più una funzione. C’è dell’altro ed è fuori dai confini del punto vendita. Si tratta di interventi sulla viabilità per migliorare la circolazione e la mobilità nella zona. Opere di urbanizzazione per un valore di circa 500mila euro. Si parte dalla nuova rotatoria su via Maestri del lavoro, in corrispondenza del nuovo supermercato. A seguire, il completamento e la riqualificazione dell’area a parcheggio e parco davanti al polo scolastico del Perticale, la realizzazione di una pista ciclabile, completando il collegamento pedonale, in parte già esistente, tra la scuola e il campo di atletica di via della Pace.


Il risultato – mostrato ieri in anteprima – mette tutti d’accordo. Lo sottolinea il sindaco di Piombino Francesco Ferrari: «Un’iniziativa lodevole che riqualifica una parte importante della città e si apprezza ancora di più perché viene realizzata in un momento di difficoltà generale – sostiene –. Un plauso alla precedente amministrazione comunale che ha posto in essere le attività amministrative che hanno creato i presupposti per l’investimento».

A salutare la realizzazione tra i tanti intervenuti per vedere il risultato di un lavoro che hanno lasciato in rampa di lancio, per la fine del mandato amministrativo, ci sono anche l’ex sindaco Massimo Giuliani e la sua assessora all’Urbanistica Carla Maestrini. «È stata realizzata una riqualificazione importante – dice Cavicchi –. Un investimento per una città che si merita tutto questo ed è in attesa di un futuro più benevolo». Sono serviti 10 milioni di euro per dare forma a tutto. Una struttura moderna fuori e dentro, progettata dagli architetti milanesi Elena Cavedini, Augusta Comi e Gabriele Panzeri e realizzata dalla Berrighi Costruzioni di Venturina Terme. Su poco meno di 1.500 metri quadri trovano posto le stesse tipologie di prodotti e tante novità rispetto a quelli presenti sugli scaffali del vecchio supermercato di via Lerario. La scelta è stata quella di crescere e rinnovare l’offerta. A impreziosire l’assortimento i prodotti di un centinaio di piccole aziende del territorio.

Tecnologie avanzate in ogni reparto, l’accento sull’evoluzione dei consumi. Ampie corsie e ambienti luminosi, con luci rigorosamente a led. E spazio alla raffinatezza con l’area riservata ai vini blasonati e non solo. Nuovi servizi. Come l’abbattitore nel reparto pescheria. O il bar e ristorante con annesso spazio esterno climatizzato in modo da essere utilizzato tutto l’anno. Alle spalle altri 1.200 metri quadrati per servizi e magazzino e un parcheggio riservato da 110 posti auto. –

© RIPRODUZIONE RISERVATA