Torna Elba Film Festival, rassegna del cinema d’autore

Parte la seconda edizione dell’evento organizzato nonostante il Covid. La regista Nora Jaenicke: «Proietteremo opere in arrivo da tutto il mondo»

MARCIANA MARINA. Prende il via la seconda edizione di Elba Film Festival. L’appuntamento che terminerà il 20 settembre vede al timone Nora Jaenicke , regista e sceneggiatrice e l’attore Beniamino Brogi , direttore di programmazione. Un’edizione sofferta che ha dovuto fare i conti con tutte le limitazioni conseguenti al Covid 19 ma che ha ricevuto ben 500 film da tutto il mondo tra cui poi è stata fatta la selezione dei circa 40 che verranno proiettati nei cinque giorni di festival. «Alla fine – commenta Nora – Ce l’abbiamo fatta ad organizzarlo. È dalla chiusura del primo festival che lavoriamo per questa edizione. Siamo rimasti confusi e traumatizzati, un po' come tutti, quando è scoppiata la pandemia. È stato molto difficile riuscire a coordinare tutto in questa atmosfera apocalittica, in quarantena, quando sembrava quasi non fosse più possibile fare niente». Soprattutto organizzare festival che richiede la presenza di un gruppo allargato di persone. «Poi – racconta – ci siamo detti che se non ci adattiamo a questa nuova realtà e non cerchiamo con ottimismo di portare avanti i progetti in cui crediamo è la fine. E grazie anche al supporto di tante organizzazioni dell’Elba, siamo riusciti ad adattare il nostro festival alla realtà del coronavirus. Devo dire che è stato un esercizio di immaginazione, ci siamo dovuti inventare quasi un nuovo festival. Credo che sia comunque un’esperienza positiva».

Unico dispiacere per la giovane regista è che molti film maker non potranno essere presenti come lo scorso anno (quattro tra gli italiani hanno comunque confermato la loro presenza). «Ci sono film da tutto il mondo – considera Nora – e non poter conoscere questi film maker di persona è triste». Ma si sono organizzati: saranno fatte delle interviste proiettate sul grande schermo. «Sarà come se fossero in sala con noi – sottolinea – è molto importante confrontarsi con persone che vengono da culture e mondi completamente diversi e conoscere la storia che si nasconde dietro la produzione di film indipendenti. Sono film m aker che pur di realizzare le loro opere hanno incontrato grandi difficoltà non solo economiche ma anche produttive, dare a loro il supporto e la motivazione per continuare a creare è uno degli obiettivi principali del nostri festival». Gli organizzatori di Elba Film Festival vogliono lasciare un messaggio a tutti gli artisti del mondo, quello «che la vita va avanti e che ci sono modi per continuare a fare cinema anche in questa realtà nella quale ci troviamo, con tutte le limitazioni del Coronavirus che impedisce i contatti tra le persone». «Questa è una delle cose più belle che trasmette il cinema – continua Nora – il senso di unione attraverso la proiezione di un film, il pubblico prova emozioni anche se non può sedere in una sala a distanza ravvicinata. Le emozioni sono universali e noi vogliamo raggiungere un grande pubblico al di là delle problematiche del Covid. È stata un’esperienza interessante – spiega – e credo che queste grandi difficoltà che abbiamo dovuto superare ci abbiamo fatto innamorare ancora di più di questa nostra iniziativa. Credo che adesso non ci fermerà più nessuno. Dopo aver affrontato queste difficoltà, ciò che potrà succedere in futuro credo che a confronto non sia niente».

Le proiezioni sono gratuite. È consigliata la prenotazione all’indirizzo e-mail reservationselbafilmfestival@gmail.com. Inoltre per ampliare la partecipazione al festival, i film in concorso saranno trasmessi in diretta streaming sul sito e sul canale Youtube dell’Elba film festival a esclusione della prima nazionale.