“Il libro nero della Lega” e il ritorno al passato