Per il compleanno organizza una gita per bimbi autistici

CAPOLIVERI. Quale modo migliore per festeggiare i cinquant'anni d'età che organizzare una vacanza di un'intera settima per ragazzi autistici? L'idea è venuta a un genitore originario di Capoliveri,...

CAPOLIVERI. Quale modo migliore per festeggiare i cinquant'anni d'età che organizzare una vacanza di un'intera settima per ragazzi autistici? L'idea è venuta a un genitore originario di Capoliveri, ma residente da molti anni a Milano. Fa parte dell’associazione Gaudio (Gruppo Autismo e Disabilità Intellettiva). Anche lui ha un figlio con queste disabilità. «Perché – si è domandato – non organizzare una festa di compleanno per i primi cinquant’anni anziché con i soliti e spesso anche inutili regali, promuovere fra gli amici invitati una raccolta di donazioni con cui riuscire a finanziare un progetto di vacanza?». In un primo momento si parlava di un fine settimana. Poi, invece, il progetto ha preso corpo. Le persone che sono intorno al cinquantenne hanno cominciato a muoversi. Si sono lasciate coinvolgere dall’entusiasmo. E' iniziato il passa parola. E il risulto ottenuto è insperato, molta gente ha aderito. E non solo. Le donazioni da parte di privati e aziende sono aumentate. Vengono raccolte alcune migliaia di euro. Cambia allora l'obiettivo originario e gli organizzatori si rendono conto che può essere più ambizioso. Nasce così nasce il progetto «Vacanza Gaudiosa» all'Isola d'Elba, un soggiorno terapeutico di una settimana “full immersion” per un gruppo di adolescenti con autismo. Lo patrocina l'amministrazione di Capoliveri. E si svolge in collaborazione con la cooperativa di educatori Fabula Onlus di Milano e l’associazione Diversamente Marinai di Capoliveri. Hanno inoltre appoggiato il progetto l'associazione degli albergatori, l'hotel “Voce del mare” di Naregno e Aquavision. Dal 27 giugno al 5 luglio 2015, una decina di adolescenti con autismo, seguiti da un gruppo di educatori specializzati, potranno avere un’esperienza di piena autonomia e di apprendimento degli sport marinari. Faranno escursioni in barca. Prenderanno lezioni di vela e tante altre attività finalizzate all’autonomia personale e all’integrazione sociale. «Per i nostri ragazzi – dicono gli organizzatori - le vacanze strutturate sono molto più di momenti di svago: sono occasioni privilegiate in cui malgrado le loro gravi difficoltà apprendono ad autogestirsi, a essere più autonomi e a modulare la loro relazione con gli altri. E il mare, con la sua maggiore tranquillità rispetto all’ambiente cittadino, con il suo ritmo placido e costante, sembra l’ambiente ideale per ragazzi che hanno così tante difficoltà ad adattarsi agli ambienti affollati e rumorosi». E il papà che ha avuto questa idea è soddisfatto. «Per il mio compleanno ho avuto il regalo più bello: un dono per donare agli altri». Ma non ci si fermerà qui. Insieme alle famiglie dell'associazione si sta già pensando a nuove idee e nuovi progetti, in cui coinvolgere gli amici e tutta la rete di relazioni sociali. Questi genitori non si arrendono e vogliono valorizzare tutte le risorse a disposizione delle loro comunità per promuovere percorsi di crescita per i loro figli. Chi vuole contribuire alla «Vacanza Gaudiosa» può donare anche una piccola cifra a Gruppo Autismo e Disabilità Intellettiva GAUDIO. IBAN: IT57 I060 8533 5700 0000 0024 330. (l.c.)