Onorato, bambini contesi negli Stati Uniti

Vincenzo Onorato

Guerra legale con l’ex moglie Lara Ciribì: l’armatore non vede da oltre un anno i tre figli piccoli

PORTOFERRAIO. Tre figli lontani, da oltre un anno. E una guerra per il loro affidamento in corso, ormai da tempo, con l’ex moglie Lara Ciribì. Sono i contorni della vicenda familiare, rimbalzata dagli Stati Uniti fino all’isola d’Elba, che vede protagonista l’armatore di Moby e Toremar Vincenzo Onorato.
Gli strascichi legali del terzo matrimonio dell’armatore napoletano, legato strettamente all’Elba dove ancora vive la madre, sono finiti sulle pagine della stampa nazionale.

Tutto questo dopo che Lara Ciribì, ex giornalista e per anni sposata con Onorato, ha impedito ai tre figli piccoli, due bambine e un maschietto, di rientrare in Italia dal padre, come imposto dai giudici italiani. E, dagli Stati Uniti, l’ex moglie di Onorato ha deciso perfino di intentare causa a Onorato. Una decisione che, tuttavia, si è ritorta contro alla donna.

I giudici s stelle e strisce della contea di Miami (dove la Ciribì vive attualmente) hanno infatti ritirato il passaporto alla Ciribì e le hanno imposto di non vedere i figli che, in attesa del compimento del percorso della giustizia, sono seguiti da dei curatori nominati dalla corte. Questo perché, come ha spiegato l’avvocato di Onorato al Corriere della Sera, «Ciribì è stata riconosciuta dai consulenti nominati dal Tribunale americano e nei successivi provvedimenti responsabile del grave stato di alienazione dei figli, di abusi psicologici nei loro confronti e di sottrazione». Ma la decisione dei giudici americani, paradossalmente, impedisce alla donna di poter ottemperare alla sentenza del Tribunale civile di Milano che prescriveva alla donna di far rientrare i bambini in Italia, dal padre, entro il 30 aprile.

La battaglia legale -una sorta di ping pong senza soluzioni di continuità tra giudici e avvocati italiani e i colleghi americani - si trascina da tempo e, di fatto, tiene lontano dall’armatore napoletano i tre figli più piccoli. Quelli, per intendersi, nati durante la relazione con l’ex giornalista, terza moglie di Onorato.
L’imprenditore marittimo, in tutto, ha cinque figli. Achille, attuale amministratore delegato di Toremar, nato dalla relazione con la prima moglie, e il più giovane Alessandro, nato dal secondo matrimonio.