«Se ne va un pezzo di sanità qualificata»

Giuliano Parodi e l’ospedale di Piombino