Open day dal vivo all’istituto Martini I futuri studenti ospiti in Querceta

A fare da ciceroni i ragazzi di tutti e quattro gli indirizzi All’Alberghiero l’indice di occupazione è salito al 65 per cento

Montecatini. L’alberghiero Martini non molla. Nonostante la pandemia, nonostante le problematiche quotidiane legate alla gestione della nuova emergenza scolastica, l’ultimo open day programmato per i ragazzi delle classi terze degli istituti superiori di primo grado è andato in scena, al Castello Querceta, in presenza.

«Ringrazio tutti i docenti e i collaboratori – afferma il preside Riccardo Monti – per l’impegno che hanno messo nell’organizzare questo evento in un momento così difficile. Ringrazio anche tutti gli studenti che si sono resi disponibili, per l’intera giornata di sabato».


Molti di loro hanno fatto da ciceroni accompagnando gli alunni delle terze medie in giro per la scuola. Altri hanno lavorato nei laboratori con varie dimostrazioni pratiche. Sono stati coinvolti e messi in campo tutti e quattro gli indirizzi: accoglienza, sala vendita, enogastronomia, pasticceria. Imparare facendo resta il motto della scuola che prepara la futura classe dei lavoratori dell’industria ristorativa e ricettiva.

Innovativo anche il mezzo utilizzato per registrare gli appuntamenti. Oltre alle email e al classico telefono, la scuola aveva creato anche per quest’anno un apposito qr code da scansionare. L’invito è stato veicolato anche attraverso i social. Per prenotarsi si poteva anche cliccare sul link presente sul sito e compilare il form di riferimento. L’obiettivo è presentare l’offerta in vista delle iscrizioni che sono state aperte nei giorni scorsi.

Le tre sedi di via Garibaldi, Galilei e al Castello Querceta sono facilmente raggiungibili con mezzi pubblici. I restauri ne hanno perfezionato la funzionalità. La scuola, al termine del primo biennio, ospita corsi per l’acquisizione di qualifiche regionali di secondo livello per il settore alberghiero e turistico. Gli ultimi tre anni di particolari specializzazioni del settore turistico-alberghiero, si concludono con l’esame di Stato propedeutico all’inserimento nel mondo del lavoro oppure al proseguimento degli studi universitari.

La scuola offre la possibilità di imparare quattro lingue straniere: inglese, francese, tedesco e spagnolo. Partecipando ai corsi di approfondimento organizzati dall’istituto, gli studenti possono conseguire le certificazioni europee come Dele, Delf, Pet e Zertifikat Deutsch. L’istituto si pone come parte attiva e organizza corsi specifici e approfondimenti tematici professionali, in relazione alle richieste dell’utenza e della realtà produttiva locale, regionale e nazionale. Vengono inoltre offerti scambi culturali con i paesi europei, corsi di informatica, il corso di Haccp, la possibilità di partecipare a un originale laboratorio di comunicazione.

I dati Eduscopio hanno confermato l’alberghiero Martini tra le eccellenze negli istituti professionali.

L’istituto, in particolare, vanta la migliore percentuale in Toscana per i diplomati in regola con gli studi. Semprer i dati Eduscopio (Fondazione Agnelli) certificano la qualità delle scuole superiori italiane e confermano come l’istituto alberghiero Martini sia un’eccellenza per ciò che riguarda la formazione e l’inserimento occupazionale.

Ed è proprio l’indice di occupazione dei diplomati del Martini che passa dal 63 al 65 per cento.

Un dato molto positivo se si considera che in questo indice non vengono presi in esame gli studenti che decidono di intraprendere una carriera all’estero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA