Nuovi spazi di studio all’istituto Pasquini

Massa e Cozzile. Si sono conclusi all’Istituto Pasquini di Massa e Cozzile i lavori di ampliamento e rimodulazioni degli spazi grazie al contributo di quasi 4500 euro della Fondazione Caript di Pistoia. Il progetto proposto dalla scuola aveva come obiettivo quello di creare le condizioni adeguate allo studio, alla lettura e alla ricerca sia durante le ore scolastiche antimeridiane che pomeridiane, in una sorta di “estensione scolastica”. Il piano ha previsto infatti l’equipaggiamento per trasformare gli spazi in un centro destinato agli studi e al supporto scolastico, ove lo studente possa svolgere i suoi compiti, leggere, guardare film, scambiare idee, oltre a partecipare a lezioni di informatica, robotica e a organizzare gruppi di lettura.

«Crediamo che grazie ad un ambiente dedicato allo svolgimento dei compiti, alla disponibilità di materiale di consultazione e ricerca e ad attività diversificate nel pomeriggio, sarà possibile incrementare nei ragazzi il desiderio di continuare gli studi, e di poterlo fare con qualità ed entusiasmo», ha spiegato il referente del progetto Giacomo Bartoletti. «Il successo del progetto educativo finanziato parte prima di tutto dalla creazione di ambienti adeguati al modello di apprendimento», ha aggiunto la dirigente Rachele Pirozzi. «La nostra necessità è quella di disporre di spazi integrati al contesto classe in cui i microambienti dedicati alle attività diversificate hanno tutti la stessa dignità e presentano caratteri di abitabilità e flessibilità, funzionalità, comfort e benessere. Tutto viene adattato alle esigenze didattiche e organizzative di una scuola che deve essere in continuo mutamento e che grazie ai sostegni del Comune di Massa e Cozzile e della Fondazione della Cassa di Risparmio siamo riusciti a realizzare».