Cinque per mille, la fetta più grossa va agli “Amici degli animali”

In 568 hanno scelto i gestori del canile Hermada Al secondo posto l’associazione “Crescere insieme”

Luca Signorini

Montecatini. Un totale di 261.614 euro di contributi del 5 per mille destinati alle associazioni di volontariato, sportive e culturali (e ai Comuni) attive in Valdinievole. Sono in tutto 103 le realtà del territorio che hanno ricevuto una quota del contributo solidale scelto dai contribuenti al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi relativa all'anno 2020. Denari importanti per sostenere le attività degli enti non a fini di lucro.


Pochissime le persone che hanno deciso di concedere il 5 per mille alle amministrazioni comunali: appena 932 cittadini su oltre 120.000 residenti in Valdinievole. Il Comune di Pescia ha incassato 2.510 euro (da 87 contribuenti), quello di Montecatini 1.815 (da 60), Monsummano 1.798 (da 72), Pieve a Nievole 1.498 (da 41). E ancora Massa e Cozzile ha ricevuto 1.075 euro, l'equivalente della quota concessa da 30 cittadini, Lamporecchio 893 euro (da 31 contribuenti), Ponte Buggianese 847 (da 30), Buggiano 800 (da 36). Chiudono la fila Uzzano (519 euro), Marliana (501 euro), Chiesina Uzzanese (399) e Larciano (250 euro).

A livello generale, guida la classifica sull'importo del bonifico elargito dall'Agenzia delle Entrate l'associazione Amici degli Animali, che ha sede in via Garibaldi a Montecatini ma soprattutto gestisce da anni il canile Hermada di via delle Padulette. La cifra ottenuta supera i 18mila euro (sono 568 i contribuenti che hanno scelto di destinare i propri soldi in questo modo), e servirà per gestire le esigenze dei numerosi cani ospiti e in attesa di una nuova famiglia.

Al secondo posto troviamo l'associazione Crescere Insieme, che si occupa di promozione sociale a tutela dell’infanzia, dell’adolescenza e della genitorialità (ha sede in via Diaz a Montecatini), alla quale sono andati 17.243 euro da 601 contribuenti.

Sul gradino più basso del podio un'altra associazione di Montecatini: 16.933 euro (da 240 dichiarazioni dei redditi) sono andati alla Wend Barka onlus, attiva dal 2009 nel promuovere e sostenere azioni di aiuto e sviluppo nei paesi più poveri del mondo.

Al quarto posto il Soccorso Pubblico di Montecatini, che ha ottenuto 15.190 euro.

Scorrendo la classifica, troviamo l'Asvalt (associazione Valdinievole lotta ai tumori) a cui andranno 11.096 euro, poi la Pubblica Assistenza Monsummanese (6.974 euro), la Croce Verde di Lamporecchio (5.656), la Fondazione per disabili Mai Soli di Pieve a Nievole (3.729). E ancora: l'Oratorio di San Massimiliano Kolbe a Cintolese (2.950 euro), il Nuoto Valdinievole con sede a Monsummano (2.469), la Filarmonica Nucci di Ponte Buggianese (1.842) e a seguire il Chiesina Uzzanese Volley (1.263).

La prima associazione sportiva della lista fornita dall'Agenzia delle Entrate è la società Shoemakers Basket di Monsummano, che da 150 contribuenti ottiene 6.922 euro. Sono appena 35 invece i cittadini che hanno scelto il Centro di ricerca, documentazione e promozione del Padule di Fucecchio, che si è aggiudicato poco più di mille euro.

Sono in tutto 43, infine, le associazioni del territorio che hanno ricevuto una cifra inferiore al migliaio di euro. A partire dalla Misericordia di Castelvecchio (nella Svizzera Pesciatina): il bonifico è pari a 996 euro. Chiude la classifica del 5 per mille sulla dichiarazione dei redditi del 2020 la società sportiva Ponte 2000, che racimola un totale di 120 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA