Contenuto riservato agli abbonati

Quasi 9.200 richieste per Montecatini nel click-day per il Bonus Terme

La direttrice sanitaria: «I servizi più gettonati da parte della clientela sono per trattamenti benessere e piscine termali»

MONTECATINI. Ci sono quasi 9.200 richieste alle Terme di Montecatini spa per poter accedere al Bonus terme di 200 euro messo a disposizione dallo stato. Un ottimo risultato che porterà denaro fresco direttamente nelle casse della società. Gli italiani amano soprattutto massaggi e coccole e dalle strutture termali si aspettano per lo più soluzioni di benessere naturale.

Di sicuro questo risultato ha risentito in maniera positiva della proclamazione ufficiale di Montecatini nel patrimonio Unesco. «Le richieste per un sessanta per cento sono per trattamenti benessere e piscina termale - racconta la direttrice sanitaria Manela Scaramuzzino - . Approfittando di questo contributo soprattutto nel periodo invernale per rimettersi in forma con le nostre proposte».


Acqua termale miracolosa quella di Montecatini, non soltanto per curare i problemi di intestino. «Poi c'è un discreto numero di persone che vogliono approfittare del bonus per poter fare dei cicli di cura - continua Scaramuzzino -. Comunque vada è stato veramente un grande successo, perché trovarsi davanti a quasi diecimila richieste per Montecatini in questo periodo è davvero un risultato eccezionale . E' chiaro che non tutte saranno evase, dal momento che il bonus ha ancora un tetto di 53 milioni di euro. Quindi ci sono in lista anche altre strutture che hanno ricevuto numerose richieste».

Sicuramente un indirizzo che arriva da parte della clientela su un settore importante e strategico come quello termale che per alcuni territori rappresenta una bella dichiarazione da parte dell'utente alle istituzioni. «Questo dimostra che il settore termale non è ' finito' né tantomeno ' morto ' – aggiunge la direttrice sanitaria – anzi, le moltissime richieste dimostrano che è pieno di vitalità. Spero che questo bonus sia l'inizio di una serie di interventi che il governo e le regioni bisogna che attuino per rilanciare un settore così importante ».

Sono numeri sorprendenti in generale , la gente ha voglia e desiderio di tornare nelle strutture termali . «A Montecatini oltre alle richieste per benessere c'è stato un interessamento per le cure, e questo è motivo di grande orgoglio, al momento che è il settore in cui ci distinguiamo rispetto alle altre destinazioni - dice Scaramuzzino - . Mi auguro semplicemente che il sistema regga tutte queste richieste arrivate per il bonus. Ieri di fatto è stato l'ultimo giorno per richiedere il bonus Terme. Bastava compilare il modulo con i dati personali sul link delle Terme di Montecatini che a sua volta ha proceduto ad effettuare la richiesta sul sito Invitalia».

Un'operazione che ha richiesto sul campo molto personale e che prevede un ulteriore incremento una volta formalizzate di fatto le erogazioni. Alla raccolta dei nominativi ha partecipato anche un'azienda esterna specializzata in pratiche simili. «Non solo. Non potevamo permetterci di perdere le richieste, così ci siamo organizzati bene anche con i nostri dipendenti, soprattutto quando i numeri sono cominciati a salire, Venerdì scorso le richieste erano appena seimila - conclude Scaramuzzino -. Abbiamo deciso di aumentare il personale a disposizione rinforzando le fasce orarie per i servizi. Poi puntiamo ad un aumento dei giorni a disposizione per soddisfare il bonus. Anche assumendo persone in più, come abbiamo già fatto, predisponendo fasce orarie diverse. Ora ci vuole pazienza, su 9 mila settecento richieste, bisogna vedere quante effettivamente andranno a buon fine».

© RIPRODUZIONE RISERVATA