Contenuto riservato agli abbonati

“Max Casa” prenderà il posto di “Sisley”, risiko delle attività commerciali in centro

La catena di abbigliamento ha scelto di trasferirsi in corso Matteotti lasciando liberi i fondi di via Don Minzoni

MONTECATINI. Altra apertura di un negozio in franchising nel pieno centro a Montecatini. Al posto dello store di abbigliamento Sisley, al civico 2 di via Don Minzoni (praticamente piazza del Popolo) aprirà i battenti Max Casa, catena specializzata nella vendita di articoli casalinghi, biancheria per la casa e piccoli elettrodomestici. Nata in Sicilia nel 1990 come azienda importatrice di manufatti realizzati in estremo oriente, l’azienda ha sede legale a Brugherio, nell’hinterland milanese, e gli uffici commerciali e amministrativi a Pace del Mela, in provincia di Messina. Nei primi anni il raggio d’azione non si estende oltre le regioni del meridione ma nel 2015, con la creazione del brand Casapiù, c’è la svolta espansiva che ha portato il marchio in tutte le regioni centro settentrionali.

Nel 2017 lo sbarco in Toscana, con l’apertura del punto vendita di Firenze, in contemporanea con quello di Torino. La pandemia ha in parte rallentato i piani che prevedevano, per il 2020, l’apertura di ben 25 negozi. Adesso, con il ritorno alla quasi normalità, i piani di espansione sono ripresi ed entro il 2025 si dovrebbe arrivare alla magica quota di 100 negozi Max Casa.


Il centro di Montecatini, quindi, continua ad essere un punto di attrazione per le realtà commerciali, soprattutto per quelle in franchising. Mentre gli esercizi a conduzione familiare segnano il passo e sembrano soffrire sempre più le varie problematiche del commercio al dettaglio (caro affitti in primis), le grandi catene risentono di meno di questo tipo di problema. Recentemente, nel settore della ristorazione, in città ha aperto un ristorante hawaiano, in un fondo commerciale peraltro vuoto da tantissimo tempo (in via Simoncini, all’altezza del semaforo). Mesi addietro, la grande catena di prodotti per la pulizia della casa e dell’igiene della persona Dm aveva aperto un punto vendita in corso Matteotti, nella via chic delle boutique di lusso. Inizialmente accolto con sufficienza dai nostalgici della “Montecatini com’era”, il nuovo negozio ha dimostrato di sapersi ritagliare il suo spazio, anche in un luogo particolare come la principale via dello struscio cittadino.

Ma tornando a Max Casa, c’è da dire che il suo arrivo si va a incastrare in una sorta di Risikoo del commercio. In corso Matteotti, al numero 18, si è trasferito il negozio Sisley (di cui appunto prende il posto Max Casa) posizionandosi laddove c’era la profumeria Gardenia. L’area dedicata alla vendita è sensibilmente ridotta rispetto a quella in via Don Minzoni, tuttavia l’attrattiva della strada si pensa andrà a supplire a questo ridimensionamento di spazio.

L’aspetto maggiormente positivo in tutta questa “redistribuzione” è che paiono non verificarsi più casi come quello dello storico Caffè Biondi, rimasto per anni chiuso a intristire una piazza del Popolo che si era ritrovata all’improvviso con una sorta di “buco nero”. Adesso, non appena si spengono le luci di un’attività, se ne accendono subito quelle di un’altra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA