Adotta una pecora, aiuti l’agriturismo e in cambio c'è latte e formaggio gratis

Giuditta e Stefano

Per rimediare alle predazioni Stefano e Giuditta hanno preso questa iniziativa, dando formaggio e latte in cambio dell’aiuto economico

PESCIA. Finalmente ci siamo, domenica 10 ottobre a Medicina, nel Comune di Pescia, all’agriturismo “Albero e Foglia” verranno consegnate le 15 pecore adottate. L’iniziativa è partita a luglio di quest’anno con la campagna “Adotta una Pecora”. «Dopo l’ennesima predazione avvenuta a giugno da parte dei lupi – raccontaStefano Natali titolare dell’agriturismo – ho deciso di mettere in piedi questa iniziativa. Nel 2015 avevo tentato con le capre ma non ebbi successo, mentre questa volta è andata decisamente meglio».

Purtroppo, l’agriturismo nel tempo ha perduto, a causa della predazione, oltre 60 capi ed è anche per questo motivo che quella di domenica sarà una giornata speciale. Si potrà gustare un menu a base di polenta e funghi, formaggi e torta di mele e, dopo, ci sarà l’affidamento degli animali ai sostenitori: «La definizione giusta è partecipazione agricola – spiega Natali – la persona che aderisce contribuisce al mantenimento dell’animale e in cambio avrà prodotti dell’azienda: formaggi, farina di castagne e olio. Qualcuno ha adottato due pecore, un ristorante di Lucca me ne ha adottate quattro. Due agriturismi nella zona di Firenze ne hanno prese due a testa».


Si tratta di un progetto che offre la possibilità in modo diretto di mantenere una pecora. Contattando il proprietario dell’agriturismo, si può trascorrere serene giornate al pascolo con gli animali oppure aspettare l’ora della mungitura. L’abbonamento annuale, per adottare una pecora, ammonta a 220 euro. Oltre a dare la possibilità di contribuire all’economia agricola, comprende anche il consumo dei prodotti del caseificio da un minimo di 5 kg a un massimo di 15 kg all’anno a scelta tra ricotta, yogurt, formaggio fresco e stagionato, formaggio speziato e spalmabile. «A casa abbiamo una stanza dedicata alla preparazione del formaggio e per la degustazione». Chi porta avanti l’azienda agricola è anche l’infaticabile moglie Giuditta, ma con loro ci sono guardiani davvero speciali: Nina, Lea e Gaia. Pastore maremmano, border collie e una meticcia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA