A ottobre i lavori in via Padre Donzelli nel quartiere Palaia

Monsummano. Cominceranno nel corso del mese di ottobre i lavori di rifacimento dei marciapiedi e abbattimento delle barriere architettoniche in via Padre Donzelli. La strada assai trafficata in zona Palaia, che dal centro cittadino porta sulla regionale Francesca Sud, verso la Vergine dei Pini, va verso un completo rifacimento. L’opera costa 270mila euro da dividere in due stralci: il primo da 130mila dovrebbe essere coperto da un contributo del ministero dell’Interno, attraverso il bando del Dipartimento per gli affari interni e territoriali.

Una volta installato il cantiere, si prevedono disagi alla viabilità. «Lavoreremo prima su un lato della strada, poi sull’altro – spiega l’assessore ai lavori pubblici Arcangelo Crisci – quando ci sono opere di questo tipo i rallentamenti al traffico sono da mettere in conto. Verrà installato un semaforo temporaneo e introdotto un senso unico alternato di marcia. Ma è comunque un tratto di strada che può essere bypassato facilmente. Chi è diretto in centro, può passare da via della Repubblica, girare a destra in via Vittorio Veneto e rientrare su via Matteotti all’altezza dell’incrocio con via della Grotta Giusti. Chi invece deve andare verso la Vergine dei Pini, se si dovessero verificare degli ingorghi a certe ore della giornata, può prendere via della Grotta Giusti, poi svoltare su via Carrara, da lì via della Bartolina e immettersi sulla regionale Francesca».


L’intervento prevede nuovi marciapiedi, nuovi arredi urbani, alberature, panchine, nuovo asfalto, il rifacimento della segnaletica, e anche “le segnalazioni dei pericoli per le persone con handicap di tipo visivo/percettivo, con l’inserimento di percorsi tattili”. L’obiettivo è la riqualificazione della zona, migliorare la sua accessibilità soprattutto per i pedoni e metterla in sicurezza, “viste le cattive condizioni, il degrado e la presenza di vari ostacoli”, si legge sulla relazione dei tecnici. Verranno inoltre inserite delle barriere parapedonali per non far salire le auto sul marciapiede.

L. S.

© RIPRODUZIONE RISERVATA