No del Pd alla proposta per mantenere le terme di proprietà pubblica

montecatini. «La maggioranza in Regione guidata dal Pd respinge l’ordine del giorno presentato dalla presidente del Movimento 5 Stelle Toscana, Irene Galletti, per salvaguardare il patrimonio immobiliare delle Terme e per mantenere pubblica la proprietà». A scriverlo è la stessa consigliera regionale, che sottolinea come, a fronte del riconoscimento Unesco, non si è «affiancato in questi anni un pari impegno nel mantenere intatto il patrimonio immobiliare» e per questo servirebbe «un piano di rilancio lungimirante per preservare un bene che deve rimanere di proprietà della città. Qualcosa di profondamente diverso da una razionalizzazione, che nel linguaggio della Regione ha sempre significato tagliare o alienare».

Per scongiurare questo scenario il M5S ha presentato un ordine del giorno che chiedeva di «attivare un confronto con il Mise per individuare i fondi per l’acquisto della maggioranza del capitale sociale, estinguendo i debiti; mantenere la maggioranza della società sotto il controllo pubblico, eventualmente affidandone la gestione a un privato; mantenere pubblica la proprietà del Tettuccio. Proposte di buon senso che il Pd ha respinto senza motivare la decisione».


Sul tema interviene anche il consigliere comunale Simone Magnani: «La Regione continua a ignorare il territorio. Le Terme sono nell’Unesco, ma per il Pd continuano a essere un fardello di cui disfarsi. Serve invece un piano B in caso di, probabile, fallimento dello scellerato bando di privatizzazione». —

D. M.

© RIPRODUZIONE RISERVATA