Lavoratori in agitazione A rischio la raccolta dei rifiuti ingombranti

MONTECATINI. A rischio la raccolta dei rifiuti ingombranti nei comuni di Montecatini Terme e limitrofi. I lavoratori della cooperativa sociale La Spiga di Grano, che per Alia si occupa del ritiro dei materiali ingombranti, hanno deciso, dopo essersi riuniti in assemblea, di avviare uno stato di agitazione.A darne notizia è Simone Pialli segretario generale della Fisascat Cisl Toscana Nord. «Questi ragazzi – spiega il sindacalista – che svolgono un lavoro che oltre ad essere molto duro da un punto di vista fisico ha una finalità di pubblico interesse si sono rivolti a me a maggio lamentando una serie di problematiche. Problemi che sono legati all'orario di lavoro il quale, causa carenza di personale, rischia quasi quotidianamente di andare ben oltre la normale distribuzione giornaliera. Oltre a questo vi sono problemi che concernono la busta paga, i livelli di inquadramento ed in ultimo un piano ferie che benché siamo alla fine di luglio non è stato ancora pubblicato. Lo stato di agitazione si è reso necessario poiché da maggio ad oggi la cooperativa ci ha ricevuto un'unica volta ed è stato un incontro infruttuoso poiché la stessa, benché avesse preso l'impegno di darci delle risposte in tempi stretti, è ad oggi latitante verso le nostre sollecitazioni». «Non è nostra intenzione creare un disagio fine a se stesso alle comunità interessate dal servizio – proseguePialli – che sono, oltre a quella di Montecatini , Marliana, Pieve a Nievole, Ponte Buggianese, Lamporecchio, Larciano, Chiesina Uzzanese, Buggiano, Uzzano e Pescia ma bensì quella di vedere riconosciuti i diritti di chi svolge con abnegazione ed impegno il proprio lavoro. Abbiamo chiesto alla prefettura di Pistoia di attivare le procedure di raffreddamento e conciliazione che sono previste dalla legge per un servizio essenziale come questo ma se anche il tentativo dovesse fallire non ci rimarrebbe altro che ricorrere allo sciopero». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA