La Fondazione nazionale Collodi ha acquistato Villa Garzoni

La vasca e la Villa Garzoni di Collodi

Siglato il contratto di vendita con la proprietà, l'holding FBH di Milano, per 13 milioni di euro. Il complesso comprende anche il giardino, la fattoria, la "palazzina dell'estate" e i terreni limitrofi

PESCIA. Ormai è ufficiale: la Fondazione nazionale Carlo Collodi ha acquistato per 13 milioni di euro la storica Villa Garzoni con l'annesso giardino, oltre ad una fattoria, alla "palazzina dell'estate" e i terreni circostanti. A vendere è stata l'holding FBH di Milano attiva da 50 anni nella logistica. L’annuncio è stato dato giovedì 1 luglio a Firenze, in consiglio regionale, da Pier Francesco Bernacchi, presidente della Fondazione, alla presenza del presidente del consiglio, Antonio Mazzeo. La proprietà uscente aveva rilevato la Villa Garzoni da Enrico Preziosi, proprietario della società "Giochi Preziosi" che negli anni scorsi si era trovato in difficoltà economica.

La soprintendenza dei Beni architettonici è intenzionata ad avviare gli interventi di restauro del complesso, chiuso da metà degli anni Novanta, partendo probabilmente dagli affreschi.

Come ha spiegato il presidente della Fondazione nazionale Collodi Pier Francesco Bernacchi "questo è il primo tassello fondamentale per il progetto del Parco Policentrico Collodi Pinocchio, perché sono i due nuclei principali dei luoghi collodiani, ovvero la villa conosciuta da Carlo Lorenzini bambino, dove lavorava la madre e dove si sono conosciuti i genitori. A due passi c’è ancora la casa dei nonni dove Carlo Lorenzini era spesso ospite soprattutto per le vacanze estive. Il Parco di Pinocchio è il parco d’arte dedicato al capolavoro letterario dello scrittore e giornalista fiorentino, che si firma con lo pseudonimo Carlo Collodi proprio dal borgo della madre al quale legava i ricordi di infanzia".