Contenuto riservato agli abbonati

Sono 17 i “centisti” al Marchi e tra di loro due con la lode

Sara Pellicci, per lei la lode nella 5ª elettronico e Lisa Paoli Mori, per lei cento e lode al corso serale

Per Marco «il percorso di studi è stata un’esperienza davvero indimenticabile» Massimo dei voti anche per Lisa, 36 anni, che ha frequentato il corso serale

PESCIA. Diciassette cento, di cui due cento e lode, e novanta maturi: sono questi i numeri dell’esame di stato concluso brillantemente dagli studenti dell’istituto Marchi di Pescia. Un anno complesso, caratterizzato da lezioni in presenza e a distanza, contraddistinto da un lato dalla connessione Internet non sempre ottimale, dall’altro da interrogazioni reali e fittizie e da programmi da portare a termine. Un anno, o anzi un anno e mezzo, concluso con il consueto brindisi e con il futuro tutto da scoprire. Alcuni proseguiranno il percorso di studi, approfondendo le discipline tecniche di indirizzo, altri metteranno in pratica le competenze acquisite ed altri ancora utilizzeranno i mesi estivi per cercare di comprendere quale strada percorrere.

Ma chi sono stati i centisti del tecnico pesciatino? L’ambita lode è stata conquistato da Matteo Grossi della 5ª A Afm, indirizzo economico, e da Sara Pellicci della 5ª elettronico. «Il percorso di studi terminato è stato per me un’esperienza indimenticabile e irripetibile – ha sottolineato Matteo – fin dal primo anno ho incontrato docenti capaci di appassionarmi sia alle materie di indirizzo, sia a quelle di ambito linguistico ed umanistico. Inoltre ho avuto modo di arricchire i miei studi con formative esperienze extra scolastiche».


«Questi cinque anni – ha aggiunto Sara – sono stati caratterizzati da soddisfazioni, da delusioni e da sorprese positive. Un ringraziamento è rivolto ai miei compagni e ai miei insegnanti, che mi hanno sempre sostenuta. Adesso vorrei iscrivermi ad ingegneria biomedica».

Nella 5ª elettronico voto a tre zeri anche per Luca Corcetto, Jacopo Fattorini, Tommaso Spinetti e Francesco Udorovitch, mentre nella 5ª Afm il massimo è stato raggiunto da Alexia Angeli, Alessio Bornati, Cristiano Ciriachi e Gabriele Nannini. Inoltre, nella 5ª D informatica, i più bravi sono stati Gianluca Bellucci, Giacomo Borracelli e Federico Paccosi. Da sottolineare, infine, l’impegno della quinta serale, capace di dimostrare quanto volere sia potere. I quindici allievi, infatti, desiderosi di prendere il diploma, hanno frequentato le non meno impegnative lezioni serali. Stessi piani di studio, stessi obiettivi e stessi appunti da studiare, dovendo però coniugare impegni lavorativi o familiari. Daniele Brandinelli, Deborah Micheli, Giacomo Santini e Lisa Paoli Mori sono riusciti anche a ottenere il cento.

«Il mio percorso scolastico è stato travagliato – ha commentato Lisa, classe 1985 – nonostante inizialmente avessi abbandonato gli studi, ho sempre sognato di essere diplomata. Non avrei mai pensato di poter arrivare al massimo, ma al Marchi ho ritrovato me stessa, grazie sia ai docenti che hanno creduto in me e mi hanno spronata, sia ai miei compagni di classe con cui ho legato molto e con cui ho condiviso questa esperienza. Ho anche ottenuto la borsa di studio Signori e ciò sarà uno stimolo per per specializzarmi». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA