Contenuto riservato agli abbonati

Donna derubata della pensione, arriva un'offerta di aiuto dalla Svizzera

Un’immagine sorridente di Maria Letizia Tognozzi

Una signora originaria di Montecatini ha letto la storia e ha deciso di aiutare la pensionata di Margine Coperta rimasta senza soldi

MONTECATINI. Il desiderio di continuare a leggere il proprio giornale preferito anche al di là delle Alpi ha portato fortuna a Maria Letizia Tognozzi, la pensionata invalida di 58 anni di Margine Coperta che mercoledì alle 19 è stata derubata del portafogli mentre si trovava al lavaggio automatico delle auto a Montecatini. All’interno del borsello c’erano circa 260 euro, la cifra rimasta della pensione di invalidità che percepisce ogni mese e con cui deve vivere. Non si sa come, se la signora se lo sia scordato sull’aspiratore, oppure se sia sparito per la mano di velluto di qualcuno. Fatto è che la pensionata dopo aver pulito la propria macchina è andata all’Esselunga a fare la spesa. E proprio alla cassa, al momento di pagare il conto c’è stata l’amara scoperta. Dallo zaino che lei portava sulle spalle era sparito il portafogli con dentro tutti i documenti personali e, cosa drammatica per la donna, i 260 euro rimasti dei 295 che aveva appena riscosso come pensione di invalidità.

«Vivo da sola – aveva detto, disperata, appena il fatto era accaduto – quei soldi mi servono per comprare da mangiare. Per me non averli più è una tragedia. Significa restare con il frigo vuoto». Questo grido di disperazione non è rimasto inascoltato. La notizia ha viaggiato non solo sulla carta stampata, ma anche sui social. In una ridente cittadina svizzera abita un’altra donna, che in vacanza appena può torna sempre in Valdinievole per non scordare le proprie origini. «Quando ho saputo di ciò che era accaduto – ha scritto la donna al Tirreno – ho subito deciso che era mio dovere aiutare. Avrei piacere di regalarle quello che ha perso. Vivo in Svizzera, ma mia madre era della Nievole. Finalmente fra due settimane posso venire a riabbracciare miei parenti e invece di portare i soliti regali, mi va di fare questo gesto».


Quella manciata di soldi per la pensionata rappresentano la sua spesa di un mese: questo è stato il motivo essenziale per cui subito ha rivolto dal giornale la richiesta di aiuto.

«Non so come ringraziare – afferma Letizia Tognozzi – molte persone mi hanno dimostrato la propria disponibilità. E poi questa meravigliosa notizia mi ha riempito il cuore di gioia. Pensare che qualcuno che non mi conosce e non sa nulla di me è disponibile a salvare la mia situazione mi intenerisce e mi rende felice».

Intanto l’invalida ha sporto denuncia presso la stazione dei carabinieri di Montecatini, che cercheranno di capire anche attraverso i filmati delle telecamere la vicenda. –

© RIPRODUZIONE RISERVATA