Riabilitazione post Covid con gli attrezzi Technogym

Da sinistra il fisioterapista Luca Barni e Alessandro Calzolari della Technogym (Foto Nucci)

Accordo delle Terme di Montecatini spa con l’azienda leader nel settore del wellness per il progetto sperimentale che parte da lunedì con dodici volontari

Simona Peselli

MONTECATINI. Technogym e Terme di Montecatini spa insieme nel progetto riabilitazione post covid Tdm. Il wellness abbraccia la cura termale, il benessere e l’equilibrio psicofisico a servizio del programma per affrontare e risolvere i sintomi che restano nei pazienti in convalescenza dopo aver contratto l’infezione da covid 19. «Abbiamo voluto poter offrire soltanto il meglio – conferma l’amministratore Alessandro Michelotti, promotore del progetto – e con questi macchinari e la nostra acqua termale certamente sarà possibile».


Parte il 3 maggio il progetto pilota che vedrà 12 persone dai 30 ai 75 anni. Che per 35 giorni, cinque giorni alla settimana, si sottoporranno alle cure di medici specialisti di fisioterapia unite alla cura delle acque. Con l’ausilio della telemedicina e della tele riabilitazione. Al termine entreranno in campo altri 12 pazienti fino a settembre. A quel punto i risultati ottenuti saranno studiati e valutati da un comitato scientifico.

«Con orgoglio – spiega Luca Barni, fisioterapista, osteopata clinical risk manager e consulente per l’accreditamento sanitario dei nuovi servizi delle Terme di Montecatini – annunciamo la collaborazione con Technogym, azienda leader a livello mondiale nel wellness da quasi quarant’anni».

Alessandro Calzolari in rappresentanza di Technogym si è dimostrato soddisfatto per aver fornito le attrezzature che prenderanno parte del progetto. «Palestre, atleti e centri medici – ha commentato Calzolari – proprio da una particolare attenzione per la biomedica sono state prodotte attrezzature professionali destinate ai centri medici e alle palestre per la riabilitazione. Punto forte è il minimo impatto sulle articolazioni in modo da permettere anche ai pazienti di strutture sanitarie di svolgere attività fisica». Nonostante il momento delicato le Terme di Montecatini hanno saputo proporre sul mercato una risposta concreta utilizzando le proprie risorse: l’acqua termale e un team di specialisti presenti in azienda. Oltre che la possibilità di offrire la bellezza monumentale dello stabilimento Tettuccio, del suo parco secolare e la modernità delle Terme Redi come location.

«Sono molto felice di questa collaborazione fra Technogym e Terme – dice il sindaco Luca Baroncini – esempio da replicare in futuro per la possibilità di continuare questa sinergia. Per strumentazioni e attrezzature firmate da grandi marchi internazionali e che possono essere utili a un ampliamento dell’offerta, della qualità dei trattamenti. Una partnership che oggi si inserisce nel percorso di eccellenza post covid che insieme all’amministratore unico Michelotti abbiamo voluto caldeggiare. Le Redi sono un’eccellenza per la fisioterapia. Mi complimento anche con Luca Barni per aver concretizzato questa collaborazione. Anche noi montecatinesi dobbiamo usufruire di queste cure. Io sono un cliente delle Terme Redi e posso testimoniare che sono veramente eccellenti». –

© RIPRODUZIONE RISERVATA