Riabilitazione post covid alle Terme: iniziate le selezioni per scegliere 12 pazienti

La piscina con acqua termale dello stabilimento Redi (Foto Nucci)

Barni: «Non prendiamo tutti, ma solo chi ha problemi». Il programma di Montecatini inizierà il primo maggio e durerà 35 giorni 

Simona Peselli

MONTECATINI. Non abili e quindi arruolati. Quando c’è di mezzo il covid le selezioni si fanno al contrario. Sono settimane di lavoro intenso per i medici termali che stanno selezionando i 12 pazienti che prenderanno parte al progetto pilota della Riabilitazione post covid delle Terme di Montecatini. Dopo aver letto la notizia sui giornali, sono state molte le persone che si sono rivolte alla direzione medica delle Terme per partecipare alla valutazione. «Fino ad oggi – spiega Luca Barni, coordinatore della fisioterapia delle Terme Redi e “Clinical risk manager”per le nuove attività accreditate – abbiamo arruolato 6 pazienti. Non prendiamo tutti. Certo non chi sta bene. Ne abbiamo visti venti, ma stavolta la selezione deve essere accurata, perché dobbiamo chiudere questa prima parte al massimo con 12 persone».


Nelle scorse settimane era stata inviata una lettera d’invito al presidente dell’ordine dei medici, affinché potesse essere girata ai medici di famiglia. «Ma sembra che nessuno l’abbia ricevuta – continua Barni – le persone che si sono presentate lo hanno fatto spontaneamente, dopo aver letto i giornali o per passa parola. E dopo aver fatto alcune telefonate mi sono sincerato con alcuni medici di famiglia che non avevano ricevuto nessuna informazione. È un peccato, perché questo è un progetto gratuito e importante. E c’è bisogno di più collaborazione possibile».

Per ora i sei fortunati che sono entrati nella squadra arrivano da Pistoia, Quarrata e Montecatini. Come fascia d’età la signora più anziana ha 70 anni, la più giovane 30. «È stato scartato – prosegue Barni – chi era guarito dal covid senza trascinarsi dietro problematiche particolari».

Le sei persone selezionate presentano sintomi e hanno esiti da covid come dispnea, fatica muscolare, difficoltà respiratoria, a salire le scale, dolori muscolari, difficoltà digestive, insonnia, ansia e sindrome depressiva.

Il programma comincia il primo maggio e prevede un percorso di 35 giorni. Per loro un appuntamento bisettimanale nella palestra Redi, quattro cure termali settimanali alle Terme Tettuccio, visite con medici specialisti, piscina termale, inalazioni di acqua termale. In più saranno seguiti giornalmente anche da casa grazie alla telemedicina. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA