Montecatini, le terme riaprono dopo la lettera inviata dal sindaco al presidente Giani

La piscina delle Terme Redi: da martedì lo stabilimento potrà riaprire per la riabilitazione (Foto Nucci)

Baroncini aveva scritto in Regione per spiegare che si tratta di strutture sanitarie. Da martedì lo stabilimento sarà aperto

MONTECATINI. Terme di Montecatini chiuse, ma ancora per poco. Entro lunedì Eugenio Giani, presidente della Regone Toscana, dovrebbe firmare l’ordinanza per farle riaprire.

Il sindaco Luca Baroncini è soddisfatto e racconta il risultato della sua presa di posizione. «Grazie alla lettera che ho inviato al presidente della Regione – spiega il primo cittadino – Giani mi ha telefonato confermando che sta preparando un’ordinanza per permettere alle nostre Terme la tanto attesa riapertura».

La doccia fredda

Era stato un fulmine a ciel sereno la chiusura, che aveva calato il sipario sullo stabilimento Excelsior e sulle Redi, prevista dal nuovo Dpcm Draghi per la zona rossa. «Partiamo dal presupposto che comunque stiamo parlando di un servizio sanitario – commenta il sindaco – sono livelli di assistenza essenziali (i cosiddetti Lea, nda), cure del servizio sanitario nazionale. Non si tratta di un tipo di termalismo di welness, piuttosto di cure che per tante persone non possono essere sospese».

L’eccezione

Appena arrivata la lettera di Baroncini, il presidente lo ha subito contattato confermando la propria disponibilità a un’inversione di marcia. «Giani mi ha consentito di fare questo annuncio – dice Baroncini – dal momento che sono stato proprio io a segnalare questo problema. Gli ho fornito in modo esaustivo le motivazioni e lui si è immediatamente attivato. Perché ha ritenute ragionevoli le mie considerazioni. Quindi per le nostre Terme farà un’eccezione».

I tempi sono stretti e si fa il conto alla rovescia in attesa del via libera. «Giani mi ha assicurato – continua Baroncini – che sta lavorando per firmare un’ordinanza. Non so se ce la farà già nel weekend, ma al massimo mi ha confermato entro lunedì. Così da martedì prossimo le nostre Terme potranno riaprire. sempre in sicurezza, e accogliere i clienti».

Happy end

Un lieto fine che rappresenta una grande soddisfazione per Baroncini. «Sono contento e ringrazio Giani per questo risultato – conclude il sindaco – che onestamente mi aspettavo. Sarebbe stato troppo penalizzante per le Terme il contrario. Non stiamo parlando di una semplice palestra, ma di riabilitazione curativa vera e propria. Non si può pretendere che i pazienti possano sospendere l’attività per ben due settimane. Si tratta di salute delle persone. Per molti interrompere la cura potrebbe aggravare una delicata situazione sanitaria».

I curisti potranno tornare anche ad effettuare la idropinica, perché anche le Terme Excelsior di viale Verdi riapriranno i battenti. «Sono molto soddisfatto di questo risultato – chiosa Baroncini –. Da sindaco sempre attento ai problemi delle Terme ho portato a casa una vittoria». — RIPRODUZIONE RISERVATA