Contenuto riservato agli abbonati

Va a Cintolese lo “scudetto” dei puledri italiani

Gennaro Casillo con uno dei suoi trottatori (Foto Rosellini)

Il centro di allenamento di Gennaro Casillo è diventato una “fabbrica di campioni” che ha distanziato gli squadroni del trotto

Paolo Allegri

MONSUMMANO. Il centro di allenamento di cavalli da corsa di Cintolese è un’eccellenza della nostra ippica. Una fabbrica di campioni per la quale in questi giorni è arrivato un altro prestigioso riconoscimento. Il “maestro” Gennaro Casillo ha portato lo scudetto dei puledri in questo luogo ideale per allenare i trottatori, a due passi da Monsummano.


Nell’ippica è il tempo dei puledri: si avvicina la stagione delle classiche e nel trotto gli attuali tre anni stanno per iniziare il lungo percorso verso il Derby. Sette mesi di gran premi sulla strada della classica top, la finale di Roma del 10 ottobre, dopo le batterie di metà settembre. Questa generazione 2018, i puledri con la lettera C come iniziale, ha il suo trainer leader in Gennaro Casillo. Il professionista campano, ma toscano d’adozione, di stanza con i suoi effettivi a Cintolese, ha portato in pista ben 45 cavalli. Casillo è al vertice della graduatoria per numero di trottatori della generazione 2018 qualificati. Una leadership costante quella del “maestro” dei puledri, che ha mantenuto il primo posto da giugno a febbraio, portando lo scudetto dei puledri in quella fabbrica dei campioni che il centro di allenamento rappresenta. Gli squadroni del trotto nazionale ben distanziati, da Gocciadoro a uno specialista dei due anni come Mauro Baroncini.

La disponibilità di materiale è una delle chiavi per determinare la possibile riuscita di un allenatore con i giovani cavalli. Così a Cintolese già si guarda alla prossima estate, quando il palcoscenico del trotto sarà calcato dai nuovi due anni. E la scuderia di Casillo a giugno, quando cominceranno le prove di qualifica, potrà contare su 26 puledri con la lettera D, la nuova generazione che si affaccerà sugli ovali di sabbia. Un’ottima base di partenza per puntare a confermare quel titolo: leader delle qualifiche. E pensare che il professionista campano passava nell’ambiente per un trainer specializzato con i cavalli anziani.

Il biennio 2020-2021 segna il passaggio a una nuova identità del vincente team di Cintolese, con uno sguardo sempre più attento ai giovani trottatori. Corazon Bar è la carta di Casillo per il Derby, un cavallo di classe e tenuta. Un buon prospetto è Copen Chuck Sm, di ottima genealogia. Ha superato la qualifica pochi giorni fa a Firenze con lo stile del cavallo che si farà: partenza veloce e un bel cambio di marcia. Sono promesse di campioni e sbocceranno tra la primavera e l’estate quando gli ippodromi riapriranno al pubblico. L’ippica sogna ancora, per fortuna. –

© RIPRODUZIONE RISERVATA