«Il servizio di prestito inter-bibliotecario da noi non è attivo»

Il gruppo di minoranza lamenta anche la quasi totale mancanza di informazioni da parte dell’amministrazione comunale nei confronti dei cittadini

Chiesina uzzanese. La lettura, in questo periodo difficile ed incerto, può essere un valido strumento per evadere dal quotidiano, ma secondo il gruppo consiliare “Chiesina e le sue Frazioni” l’amministrazione comunale pare pensarla diversamente. Questo almeno è ciò che emerge da un comunicato del gruppo di opposizione.

«Negli ultimi giorni – si legge nella nota inviata alla stampa – abbiamo ricevuto numerose segnalazioni da parte di cittadini preoccupati per i disservizi “offerti” dalla biblioteca comunale di Chiesina Uzzanese, e per la totale mancanza di comunicazione. Già da diverse settimane le biblioteche degli altri comuni offrono, su prenotazione, il servizio di ritiro, riconsegna e soprattutto il prestito inter-bibliotecario che permette di accedere ai libri disponibili in tutte le biblioteche della provincia. Ciò avviene in pratica ovunque tranne, guarda caso, a Chiesina Uzzanese».


«Fra l’altro – prosegue ancora il testo – siamo abituati a una giunta chiesinese sempre iperattiva nell’ambito della comunicazione ma invece stavolta non è stata scritta mezza riga sulla attuale situazione delle nostra biblioteca. Anzi, il massimo è stato appena limitarsi ad attaccare un cartello sul cancello della biblioteca stessa».

La pagina del sito internet del Comune, rileva il gruppo, è ferma addirittura all'estate 2019 mentre la pagina Facebook della biblioteca arriva e si blocca allo scorso agosto. «Come se non bastasse, sul sito della rete biblioteche pistoiesi si sa soltanto che il servizio prestito è bloccato. Per questo ci chiediamo: ma a qualcuno dell’amministrazione comunale sindaco Berti compreso, interessa l’attività della biblioteca comunale? Alla luce di quanto sopra esposto – chiude il comunicato – sembrerebbe proprio di no». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA