«Posti auto a 100 euro annui proposti ai commercianti»

Il gruppo “Chiesina e le sue frazioni” contro fabio Berti 

Chiesina Uzzanese. Non si placano le polemiche all’interno del consiglio comunale di Chiesina Uzzanese riguardo la riapertura al traffico nella “Ruga”. Il gruppo di minoranza “Chiesina e le sue Frazioni” è tornato sulla questione.

«Nelle scorse settimane – si legge – le famiglie del centro storico si sono viste recapitare una lettera a firma del sindaco Fabio Berti dove si comunicava l’intenzione della giunta di aprire alla circolazione dei veicoli, la via del Popolo, la cosiddetta Ruga, in maniera tale da “aiutare” le attività commerciali».


«Peccato – prosegue il gruppo di minoranza – che a quelle stesse attività il primo cittadino, nella stessa lettera, abbia intanto proposto un posto auto riservato alla modica cifra di 100 euro annuali mentre, oggi il costo dei permessi si aggira sui 70 euro».

Quindi il testo solleva altre questioni annesse: «Non si capisce poi perché, se la sperimentazione dell’apertura della ruga sarà operativa fino a maggio 2021, così almeno scrive il sindaco, il posto auto verrà conteggiato per un anno pieno. Altra domanda: chi controllerà quei posti auto? Già adesso basta andare in piazza Vittorio Emanuele II e nella Ruga per vedere macchine ovunque, anche perché il cartello situato all’angolo della piazza è stato rimosso».

«In ogni caso – conclude il documento – purtroppo le attività commerciali presenti in Ruga sono assai meno rispetto al passato ed aiutarle chiedendo loro dei soldi non è certo una buona trovata. Senza considerare che questa scelta, ribadiamo ancora una volta, creerebbe evidenti disagi ai residenti di quella zona, costretti a fare i conti col passaggio delle macchine, in pratica, sull’uscio di casa». –

Roberto Grazzini

© RIPRODUZIONE RISERVATA