Scomparso, tornano in campo il drone e le unità cinofile

Alessandro Ricci

Vertice in prefettura a Pistoia: le ricerche nei boschi di Alessandro Ricci proseguiranno «fintanto che sussisteranno possibilità concrete di ritrovarlo» 

PESCIA. Le ricerche proseguiranno almeno per tutta la giornata di domani. Incrementando le forze in campo e impiegando nuovamente il drone della Protezione civile di Pescia e le unità cinofile. Insomma, non c’è alcuna intenzione di arrendersi fino a quando ci sarà una fondata possibilità di ritrovare Alessandro Ricci, il 55enne cercatore di funghi di Montecatini Alto svanito nel nulla da venerdì scorso. . La decisione è stata presa al termine del vertice che si è tenuto ieri pomeriggio in prefettura con forze di polizia e soccorritori, convocato per esaminare gli sviluppi, anche di tipo investigativo, emersi in questi giorni di ricerca. Il prefetto Emilia Zarrilli «ha disposto – si spiega in una nota – di intensificare i presìdi di vigilanza, rafforzando l’attività delle unità di ricerca e disponendo opportune linee operative di coordinamento per massimizzare l’efficacia di tutte gli attori istituzionali attivati secondo il “Piano provinciale per la ricerca delle persone scomparse”».

È stato poi deciso, come detto, di utilizzare nuovamente, nella giornata di oggi, il drone della Protezione civile di Pescia e le unità cinofile. «Le ricerche – spiega la prefettura – continueranno, tenendo conto delle condizioni meteo, fintanto che sussisteranno possibilità concrete di ritrovare la persona. Dal pomeriggio di giovedì saranno rimodulate in maniera più mirata».


Alla riunione col prefetto hanno partecipato i sindaci di Pescia e di Marliana, e i rappresentanti di questura, carabinieri, Finanza, vigili del fuoco, 118, carabinieri forestali, Soccorso Alpino della Finanza e Soccorso Alpino Sast. Il prefetto ha espresso grande apprezzamento per l’impegno dimostrato da tutti gli operatori che hanno partecipato alle ricerche, invitandoli a proseguire con perseveranza. —