«L’aggressione in Padule è un atto intimidatorio»