Valesca è la nonna della Valdinievole: festeggia 110 anni 

Valesca Tanganelli, ultracentenaria di Borgo a Buggiano

Celebrazioni a Borgo a Buggiano per l’ex preside delle medie di Montecatini

BORGO A BUGGIANO. Gli anni sono tanti. Centodieci. Proprio oggi. Ma il suo entusiasmo è ancora quello di una ragazzina. Quando parla dei nipoti, dei figli, del marito che non c’è più. E della Fiorentina, altro suo grande amore. Valesca Tanganelli vive a Borgo a Buggiano ed è la seconda donna più longeva della Toscana, la sedicesima in Italia. È nata a Firenze (da qui il suo sangue “viola”), in un mondo che non aveva ancora conosciuto le grandi guerre, lo 07/07/07 del secolo scorso: una data premonitrice di fortune se non altro per la sua particolarità grafica. Laureata in Lettere all’Università di Firenze, da sposata si era trasferita a Borgo a Buggiano per seguire il marito, Francesco Pirolo, che aveva vinto la condotta come medico di base nel paese. Dove negli anni avrebbe conquistato il cuore della gente, tanto da meritarsi, dopo la sua scomparsa, una strada con il proprio nome.

Spinta dal suo amore per la cultura e dal suo spirito indipendente, Valesca ha iniziato ad insegnare, diventando presto preside della scuola media Dante Alighieri di Montecatini, che ha guidato fino alla pensione. Pensione che non ha voluto dire per lei arrendersi all’età che avanza: si è iscritta così all’università per anziani, che ha frequentato assiduamente per molti anni, senza però – da nonna amorevole – rinunciare a dedicare moltissimo del suo tempo allo studio pomeridiano dei nipoti. Rimasta vedova quando aveva circa 70 anni, non ne ha mai voluto sapere di rinunciare alla propria indipendenza e ha continuato ad abitare in casa da sola, anche se a pochi metri dai figli (unica concessione ai familiari, l’aver accettato l’aiuto di una badante). Così come da grandissima tifosa della Fiorentina qual è, ha deciso di farsi un abbonamento allo stadio, dove, fino ai 90 anni, non ha mai mancato di andare tutte le domeniche. «Ancora oggi – racconta una delle nipoti – come le si parla di calcio, chiede se e quando gioca la Fiorentina, o la nazionale». Per festeggiare le sue 110 primavere, Valesca accoglierà nella sua casa di via Santa Maria gran parte dei suoi cari, tutti davanti a un bel gelato, sua altra grande passione. Intanto, attraverso Il Tirreno, hanno deciso di farle un augurio speciale i figli Gioacchino e Daniela Pirolo, i nipoti Stefano, Alessandro, Alessia, Micaela e Francesco; e i bisnipoti Chiara, Alessio, Gabriele, Cristiano, Gregorio e Margherita.