In scooter contro un albero, muoiono due ragazzi

Terribile incidente a Montecatini. Lui 19 anni e lei 18, stavano tornando a casa. Sul dosso pedonale il motorino è schizzato senza controllo finendo la corsa contro l'albero

MONTECATINI. Stavano tornando verso casa. A tradirli è stata la velocità troppo elevata. Quando i due ragazzi sono passati sul dosso pedonale, il loro scooter è schizzato in aria, senza controllo, per poi ripiombare sull'asfalto. Poi, la scivolata fatale verso l'albero sul bordo della carreggiata. Lei 18 anni, lui 19, sono morti sul colpo poco dopo le tre e mezzo della notte tra sabato 3 e domenica 4 ottobre, in viale Adua, a Montecatini.

In scooter contro un albero, muoiono due ragazzi

Inutile ogni tentativo di soccorso per i due ragazzi, Maria Grazia Sarica, 18 anni, residente a Chiesina Uzzanese, e Luca Conte, 19 anni, residente a Traversagna. Dato l'allarme, il 118 ha inviato sul posto le ambulanze del Soccorso pubblico di Montecatini e della Misericordia di Pieve a Nievole, assieme alle automatiche della città termale e di Pescia. I soccorritori hanno cercato a lungo di rianimare i due ragazzi, invano.

La tragedia si è consumata poco prima delle tre e mezzo. In quel momento sulla zona non stava neppure piovendo. Forse proprio per battere sul tempo la pioggia i due amici avevano fretta di raggiungere casa. Lasciata la discoteca “La Villa”, al confine del territorio comunale di Pieve a Nievole, avevano percorso tutta quella cintura di viali che viene considerata la circonvallazione di Montecatini. E si sono ritrovati a percorrere viale Adua.

Una strada che invita a correre, nonostante il limite di 30 all’ora. Proprio per questo, dopo che a causa dell’eccessiva velocità si erano susseguiti nel giro di poco tempo quattro incidenti mortali, la passata amministrazione comunale aveva deciso di far realizzare, all’altezza di Largo Cacciatori delle Alpi, un attraversamento pedonale rialzato al posto delle ormai troppo pericolose normali strisce.


Secondo i primi accertamenti eseguiti dalla polizia stradale dopo la tragedia, sembra che la ragazza  non indossasse il casco. E forse  anche Luca non lo aveva in testa. Cosicché le conseguenze della caduta alla fine sono state letali per entrambi. Lo scooter fuori controllo è rovinato a terra, e con esso i due amici. Entrambi si sono schiantati contro uno dei massicci pini che fiancheggiano il viale. E la loro vita è finita lì.


A dare l’allarme è stato un automobilista di passaggio. Quando medici, infermieri e volontari sono arrivati sul posto si sono immediatamente resi conto che per Gloria (come preferiva la chiamassero gli amici, con il suo terzo nome) non c’era nulla da fare: proiettata sul margine opposto della carreggiata dopo lo schianto contro l’albero, sonon state devastanti le lesioni craniche subite. Se anche con poche speranze, hanno invece tentato a lungo di rianimare Luca, anche utilizzando il defibrillatore. Ma alla fine si sono dovuti arrendere, affranti e scioccati dalla scena a cui si sono trovati a dover assistere.