Sempre più difficile la ripartenza del campionato

Confermato dal governo il divieto di allenamenti  di gruppo, il dg Dario Pantera non perde la speranza  ma chiede chiarezza

massa. Sempre più difficile la ripresa dei campionati dilettantistici dall’Eccellenza in giù. Il nuovo Dpcm emanato dal governo infatti ha ribadito il divieto degli allenamenti di gruppo, almeno sino al 5 marzo, giorno in cui scadrà l’attuale provvedimento anti-Covid e ne verrà probabilmente emanato uno nuovo di zecca.

Lo scenario dunque lascia poco all’immaginazione, sebbene la porta non sia stata chiusa del tutto. Resta uno spiraglio minimo, una lucina quasi invisibile, alla quale si stanno aggrappando gli addetti ai lavori. Per quello che riguarda la Massese, ovviamente sono stati interrotti gli allenamenti individuali che erano ripresi nei giorni scorsi, e i giocatori che abitano lontano dal capoluogo apuano stanno tornando a casa.


«Ci piacerebbe che fosse fatta chiarezza una volta per tutt –- ha dichiarato il direttore generale bianconero, Dario Pantera – Vedremo verso metà febbraio come saranno le condizioni. Naturalmente, noi rispettiamo le disposizioni giunte dall’alto, però è arrivato il momento che vengano prese delle decisioni chiare». Per fare il punto della situazione, nei prossimi giorni si riunirà il comitato regionale Toscana della Lega Nazionale Dilettanti, che di recente ha tracciato una linea di continuità con la rielezione a presidente di Paolo Mangini. Visto che la serie D andrà avanti sino alla fine, l’Eccellenza è la categoria dove sino alla fine si cercherà di ripartire, perché strettamente legata alla “quarta” serie.

Se neppure l’Eccellenza ripartirà, non è esclusa la possibilità di compensare le retrocessioni dalla D con una serie di ripescaggi. «Se non si dovesse ricominciare, siamo pronti a fare richiesta di ripescaggio – ha aggiunto Pantera – anche perché abbiamo i titoli per farla». Comunque, sebbene il pessimismo e lo scoramento regnino sovrani tra gli addetti ai lavori, non è il caso di dare spazio a quelle, che oggi, sono solo previsioni. Sempre per quello che riguarda l’Eccellenza, difficilmente verranno prese decisioni che contemplino la disputa del solo girone di andata con la coda di playoff e play out. A occhio e croce, sarebbero parecchie le società che si metterebbero di traverso. —

Alessandro Tabarrani

© RIPRODUZIONE RISERVATA