Contenuto riservato agli abbonati

Calcio, ma anche tennis, ciclismo e basket: ecco il progetto per la Cittadella dello sport a Massa

La conferenza stampa di presentazione del progetto della Cittadella dello sport

Stadio rimesso a nuovo per 4.400 persone e palestra polifunzionale. Impianti immersi nel verde con 187 nuove piante

MASSA. A sentirne parlare, in una città che per anni si è potuta concedere solo una salutare corsa sul lungomare, sembra un libro dei sogni: stadio rifatto, campo da basket, ma pure da tennis e da padel. Pista per gli allenamenti ciclistici e una palestra polifunzionale.

Vero che ancora non si tratta di realtà perché uno step importante manca: c’è da aggiudicarsi il bando, dunque le risorse. Vero però che si tratta di qualcosa di ben più concreto di un libro dei sogni: c’è un progetto già definito – e candidato ai finanziamenti del Pnrr – per una Cittadella dello sport. Studio di fattibilità, previsione di spesa – per 4 milioni e 560mila euro – e indicazioni per l’esecuzione dei lavori con l’articolazione dell’intervento in tre lotti.


Dove adesso gli impianti sportivi ci sono, ma – fatta eccezione per palazzetto e camposcuola appena rimessi a nuovo – se la passano maletto, sorgeranno strutture nuove. O le nuove si rifaranno completamente il look. Un progetto che punta ad integrare e valorizzare l’esistente, senza nuova edificazione, in un contesto completamente riqualificato. Il progetto, infatti, prevede anche la trasformazione di quella porzione di asfalto in via Oliveti in un’area a vocazione sportiva: marciapiedi nuovi, accessi controllati, uscite di sicurezza, cancello posteriore con apertura ad orari e, soprattutto, 187 nuove piante. Un progetto ambizioso, steso dai tecnici del Comune, e candidato lo scorso marzo al bando per la rigenerazione urbana, nell’ambito del piano nazionale di ripresa e resilienza.

STADIO

Grande protagonista del progetto – non fosse altro che per dimensioni – lo stadio: non soltanto la sistemazione della gradinata, per riaprirla dopo 10 anni di chiusura, ma anche la riqualificazione della tribuna con la realizzazione delle sottostanti sky box, aree “vetrina” destinate al commerciale e agli eventi. Nuovi spogliatoi e soprattutto nuovo campo, interamente sintetico. Uno stadio – così prevede il progetto – con una capienza di 4.400 persone. Stadio “vero” e adatto anche ad eventi, concerti in primis.

NON SOLO CALCIO

Oltre allo stadio, c’è di più: c’è la volontà di recuperare spazi – tutti quanti comunali – dismessi negli anni: il vecchio campo da basket dietro il camposcuola verrà ristrutturato e destinato agli allenamenti dei cestisti. Il dimenticato campo da tennis avrà un nuovo battesimo e nascerà da zero il campo ds padel. Gli appassionati delle due ruote non si sentiranno trascurati: la pista che circonda lo stadio sarà recuperata con una pavimentazione ad hoc che la connoterà anche nel colore. C’è poi nel progetto la previsione di un ampio spazio destinato a diventare palestra polifunzionale: la palestra sorgerebbe in alcuni capannoni dismessi sul lato Viareggio del camposcuola, destinata ad accoglier differenti società sportive. Insomma, una vera e propria Cittadella dello sport con una serie di impianti concentrati un’area destinata ad accogliere gli atleti. Un progetto complessivo steso dagli uffici comunali dopo aver ascoltato – lo sottolinea il sindaco Francesco Persiani – le necessità delle società sportive, di chi lo sport lo pratica, lo insegna e vive ogni giorno.

Adesso non resta che attendere, nella speranza che Massa quei 4,5 milioni di euro se li aggiudichi e possa partire la progettazione esecutiva e definitiva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA