Sassalbo, festa in strada al ritorno di Annibale che trionfa in televisione - Video

Giannarelli ha vinto la finalissima della seconda edizione di “The Voice Senior”. Applausi scroscianti, brindisi, striscioni e cori e balli al bar Furletti

Annibale Giannarelli vince The Voice Senior, l'arrivo a Sassalbo

Fivizzano. Tutti gli abitanti della frazione montana fivizzanese, che conta 220 persone, venerdì sera, 21 gennaio, sono rimasti incollati davanti agli schermi tv per assistere alla finale di “The Voice Senior” su Rai 1 e per sostenere il proprio compaesano, Annibale Giannarelli. Ognuno di loro, in cuor suo, sperava nella vittoria di Annibale: tutti, infatti, conoscono la sua storia di emigrato in Australia, del successo ottenuto oltre Oceano, delle sue doti artistiche e la sua naturalezza e umiltà. E delle sue esibizioni in piazza o nel bar del paese dove i brividi erano a mille. Insomma, un intero paese al suo ritorno in patria, nel 2008, lo ha accolto e coccolato e ora più che mai ha voluto essergli vicino in un momento così importante per un riscatto artistico in patria, contribuendo a inviare voti attraverso il telefono. Affollato di fans il bar del paese, gestito da Alessandro Furletti, dove fino all’ultimo tanta gente ha assistito alla trasmissione televisiva, esplodendo poi al momento della proclamazione del vincitore da parte di Antonella Clerici : «Vincitore di The Voice Senior 2022 è... Annibale Giannarelli».

Insomma attimi di vero delirio per la vittoria “del pianista sull’Oceano” come l’ha denominato il proprio coach Gigi D’Alessio, con brindisi fino all’alba, abbracci già all’interno del bar, davanti al televisore, e balli improvvisati per onorare il celebre compaesano, la straordinaria voce di “Lo chiamavano Trinità”. Nel quale Sassalbo ha sempre creduto, ben prima dell’approdo al talent della Rai per cantanti e musicisti con più di 60 anni di età. Il tutto immortalato dai video dall’interno del bar di Furletti che il sito del Tirreno ha pubblicato.

Ieri, sabato 22 gennaio, saputo del suo arrivo a Sassalbo, con un tam tam di messaggi sui social network, gli abitanti del paese hanno organizzato un sit in di accoglienza sulla strada statale del Cerreto, al bivio che conduce al paese di Sassalbo.

Significativo lo striscione scritto a mano posto davanti alla maestà: “Grazie Annibale, orgoglio di Sassalbo”.

Ed ecco l’arrivo di Annibale, partito da Milano da solo, a bordo della sua Fiat Panda di colore blu. Si ferma quasi intimorito. «Pensavo fosse successo un incidente stradale», sono le sue prime parole, prima di accorgersi – tra la stanchezza delle poche ore di sonno e quella del viaggio – che sono tutti lì per lui.

Seguono baci e abbracci, gli applausi, le foto e i video di rito, un brindisi sul ciglio della strada e la consegna del trofeo della serata agli abitanti di Sassalbo da esporre nel bar del paese. Non si sente più neppure il freddo. E il bello è che ci sono persone di tutte le età, compresi giovanissimi fans che non si sono voluti perdere il saluto a quell’uomo che per età potrebbe essere il loro nonno ma quando mette le mani su uno strumento dà dei punti ai giovanissimi.

Poi, Annibale ha salutato calorosamente tutti, si è recato a casa per rinfrescarsi e poi si è recato a pranzo da solo al Ristorante Ca’ Giannino, distante pochi chilometri da Sassalbo. Dopo pranzo, il ritorno nella sua villetta in fondo al paese che si affaccia su un castagneto, per il meritato riposo dopo una serata indimenticabile. Che lo ha visto primeggiare per le sue doti di musicista e cantante in una delle trasmissioni più seguite della tv nazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA