Contenuto riservato agli abbonati

Addio Alessandro, una vita tra calcio e famiglia. La malattia, la lotta e la morte a 52 anni 

Lascia la moglie e tre figli. Originario di Bedizzano si era trasferito a San Ceccardo, era molto conosciuto e stimato

CARRARA. Gravissimo lutto per la scomparsa a 52 anni di Alessandro Ravenna. Originario di Bedizzano da anni si era trasferito a San Ceccardo, dove viveva con la moglie e i figili

Una morte improvvisa per malore, anche se l’uomo era malato da tempo, ma nessuno poteva pensare che se ne sarebbe andato così presto. Aveva subito diverse operazioni, che potevano far ben sperare in una sua ripresa. Invece questo male incurabile lo ha strappato all'amore dei suoi cari. La notizia della sua scomparsa si è subito diffusa in città e nel paese di origine, dove Alessandro, per tutti Ale, era conosciuto e amato.


Increduli amici e parenti alla notizia della sua prematura scomparsa.

Molte le persone che si sono strette attorno al dolore dei famigliari. Numerose anche le segnalazioni di affetto e le condoglianze giunte alla famiglia via social, messaggi di cordoglio per un ragazzo che aveva saputo farsi amare e rispettare. Purtroppo Alessandro da tempo soffriva di un male incurabile, che ha cercato di combattere con tutte le sue forze, ma che non è riuscito a vincere.

Un lungo calvario che non gli ha dato scampo, lasciando un vuoto in tutti quelli che lo conoscevano e lo amavano. A cominciare dalla sua famiglia, che è stata circondata da numerose testimonianze di affetto, sia fisiche sia visuali.

Gli amici di sempre lo ricordano come una brava persona, tutto casa e famiglia. Una persona che viveva una vita tranquilla, da lavoratore e padre di famiglia. Una persona come molte, insomma. Alessandro ricordano tutti che aveva una vera e propria passione per il calcio, era un amante del pallone, e dopo aver giocato personalmente per anni in varie squadre amatoriali della zona (gli amici dicono che era molto bravo), si era dedicato ad allenare l’Atletico, che aveva lasciato qualche anno fa.

Lascia la moglie Sara, i tre figli Nicole, Daniele, Thomas, il nipotino Leonardo di appena due anni e un altro che nascerà tra pochi mesi. L’ultimo saluto ad Alessandro si è celebrato sabato 15 gennaio alle 10,30 all’interno della camera ardente delle pompe funebri carraresi di via del Cavatore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA