Contenuto riservato agli abbonati

Compra online una Playstation ma a casa non arriva nulla

La donna attirata dal prezzo stracciato ha versato su una Postepay 485 euro I carabinieri sono riusciti a risalire al truffatore: un 26enne con precedenti

PONTREMOLI. Le offerte che si trovano in internet sono sicuramente allettanti ma, allo stesso tempo pericolose. Questa volta a farne le spese è stata una 47enne residente da anni nel pontremolese, che, alla ricerca di una Playstation 5, nella speranza di risparmiare qualcosa, si è messa a navigare nel web, fino a trovare quella che sembrava una buona offerta, trattandosi dell’ultima versione della Playstation 5: consolle e relativi accessori 485 euro; un buon risparmio rispetto al valore commerciale di circa 700 euro.

Purtroppo la donna non ha fatto i conti con le insidie che si nascondono dietro gli acquisisti online, a maggior ragione se gli accordi prevedono il pagamento in anticipo; infatti, pattuita la cifra con il venditore, ingannata da questi che premeva per avere i soldi, pena la vendita della consolle ad altro acquirente, ha proceduto, ricevute le relative coordinate, a versare i soldi su una carta Postepay.


Peccato che, passati diversi giorni dal bonifico, la merce non è arrivata, e il venditore sparito nel nulla.

Alla donna non è rimasto altro che denunciare il fatto ai carabinieri, che hanno avviato le indagini del caso riuscendo a identificare e a denunciare alla Procura il truffatore, un italiano di origine salernitane di 26 anni, con una sfilza di analoghi precedenti.

I carabinieri continuano a raccomandare «a tutti – si legge in una nota della compagnia di Pontremoli – di prestare la massima attenzione sugli acquisti on-line diffidando sempre da proposte provenienti da siti non certificati o il cui prezzo non sia minimamente in linea con il mercato di quello specifico prodotto. In ogni caso, se non certi dell’acquisto, è opportuno rivolgersi ai negozianti del settore, anche per i semplice consiglio».

In caso di difficoltà, dubbi, perplessità «i carabinieri – fanno ancora sapere i militari lunigianesi con una nota– sono pronti a fornire consigli o come in questo caso a smascherare queste persone prive di scrupoli che approfittano di coloro che sono più esposti economicamente».


© RIPRODUZIONE RISERVATA