Transenne e degrado nel cuore di Avenza

Alcune zone di via Giovan Pietro vengono utilizzate come orinatoio. Fratelli d’Italia: Natale è vicino, situazione insostenibile

CARRARA. Transenne a vista. Reti protettive arancioni nella strada principale. Marmi ancora da sostituire nei marciapiedi e “pezzi” di via Giovan Pietro usati come orinatoio.

«L’amministrazione grillina ha fornito l’ennesima prova della sua totale incapacità di gestire la cosa pubblica. In prossimità del Natale, quello che stupisce ed è veramente inaccettabile è la completa mancanza di empatia e sensibilità dimostrata dagli amministratori locali nei confronti di cittadini e commercianti». A sostenerlo è il coordinamento comunale di Fratelli d’Italia, che taccia l’attuale giunta comunale di incapacità nel risolvere i problemi di Avenza. Nel mirino del partito di Giorgia Meloni finiscono i lavori di ristrutturazione dell’ex capannone Cat.


«Il rifacimento di questo edificio è terminato un mese e mezzo fa, ma a oggi non si è ancora proceduto alla lucidatura delle vetrate. Ciò ha fatto sì che non siano ancora state rimosse le transenne di delimitazione di questo cantiere, che impediscono l’utilizzo di circa 50 stalli di parcheggio per le auto».

A meno di un mese dal Natale questo comporta sicuramente un danno non da poco per chi vive o gestisce una attività commerciale nella zona.

«Dopo due anni di Covid - scrive Fratelli d’Italia - gli abitanti ed i negozianti di Avenza, la cui pazienza è già stata messa a dura prova dai disagi derivanti dai lavori al ponte sul Carrione dello scorso Natale, devono fare nuovamente i conti con l’inefficienza degli amministratori locali. Anche l’interno dell’ex deposito Cat, inoltre, -proseguono gli autori della protesta - avrebbe bisogno di essere recuperato dal degrado imperante. Di notte, infatti, la struttura diventa punto di ritrovo per malintenzionati che vi abbandonano bottiglie di alcol ed altri rifiuti»

Gli esponenti della destra criticano anche la fase di stallo nei lavori di rifacimento dei marciapiedi a lato monte di via Giovan Pietro, ricordando che per concludere questi interventi basterebbe la ricollocazione dei nuovi marmi. «Anche in questo caso, però, – conclude la sua nota Fratelli d’Italia – non si muove nulla da settimane e francamente non ne capiamo il motivo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA