Marina Pratici premiata al “Città del galateo” «Lo dedico a mia madre»

AULLA. Nei giorni scorsi, a Roma, è stato assegnato il tredicesimo premio alla carriera alla scrittrice aullese Marina Pratici. Il conferimento è avvenuto nel contesto del Premio internazionale “Città del galateo-Antonio De Ferrariis”, che ha visto Marina Pratici premiata dalla poetessa Regina Resta e da Sergio Camellini, presidente di giuria del premio, assieme a personalità quali il regista Pupi Avati; il giornalista di RaiUno, Francesco Giorgino; la stilista Anna Fendi; il presidente onorario dell’Accademia della Crusca, Francesco Sabatini; la religiosa e opinionista televisiva, suor Anna Monia Alfieri. Il comitato scientifico del Premio internazionale “Città del galateo- Antonio De Ferrariis” ha assegnato a Marina Pratici il premio d’eccellenza alla carriera con la seguente motivazione: “Per l’incessante attività letteraria e culturale, con infaticabile impegno e passione”.

Un riconoscimento prestigioso che la scrittrice aullese desidera dedicare alla memoria della madre, recentemente scomparsa: «A lei devo l’amore per l’arte e per la letteratura, e, in primo luogo, il rispetto dei valori primi». La premiazione si è svolta presso la sala del Primaticcio, società Dante Alighieri, in piazza Firenze 27, ed è stata organizzata dall’associazione culturale internazionale “Verbumlandiart – Aps”. Nata nel 2013 per volontà della poetessa Regina Resta, l’associazione, nei suoi primi otto anni di vita, ha realizzato una rete di iniziative culturali e di interesse attraverso incontri, convegni, rassegne, reading, spettacoli, presentazioni di autori, performance di artisti, cinema, mostre, concorsi.


Gianluca Uberti

© RIPRODUZIONE RISERVATA