Camion senza telone, un’altra raffica di multe

Controlli nella galleria Santa Croce della Strada dei marmi contro la dispersione delle polveri, sanzioni ai ”recidivi”

CARRARA. Continuano i controlli della polizia municipale sui camion del marmo “troppo polverosi”. E fioccano le multe. Dopo la grande offensiva del mese scorso, quando gli agenti fecero ben 62 ingiunzioni ad altrettanti mezzi, per un totale di 31mila euro di multa, c’è stata in questi giorni un’altra raffica di sanzioni ai mezzi pesanti che scendono dalle cave.

Dieci, stavolta, i mezzi multati per irregolarità riguardanti le coperture dei carichi obbligatorie per evitare la dispersione di polveri nell’ambiente. Ma questa volta si tratta di multe ai “recidivi”, cioè a mezzi che già in precedenza erano stati fermati e multati per gli stessi motivi, cioè carichi irregolari. E che, dal momento in cui sono stati sanzionati – in alcuni casi si parla di irregolarità accertate tre-quattro anni fa – non si sono avvalsi della possibilità di pagare subito la sanzione, inf orma ridotta.


Le irregolarità sono stati tutte state rilevate al chilometro 6 della strada dei marmi, in galleria Santa Croce. Dove la polizia municipale ha piazzato le sue telecamere di controllo puntate sui mezzi in discesa dai bacini marmiferi. Ebbene, i dieci mezzi multati – tutti carichi di scaglie – risultano avere già infranto le regole sulle coperture dei carichi: “Il veicolo sopra indicato che proveniente dai bacini marmiferi – si legge sulle sanzioni – non utilizzava idonei strumenti di copertura del carico in modo da prevenire - evitare la dispersione di polveri nell'ambiente in violazione di quanto disposto dalle ordinanze in materia”. Ordinanze che prevedono che i conducenti dei veicoli che trasportano terre, “tout venant”, granulati, polveri nonché qualunque materiale lapideo in forma di scaglie” devono utilizzare gli idonei strumenti di copertura del carico di cui è dotato il mezzo, in modo da evitare e prevenire la dispersione di polveri nell’ambiente”. Le sanzioni prevedono il pagamento di 520,20 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA