Ad Avenza prolifera la discarica “di condominio”

Rifiuti di ogni genere abbandonati fuori dall’isola ecologica che serve due palazzi. Nausicaa:  comportamenti che possono essere multati

carrara. Un’isola ecologica trasformata in discarica a cielo aperto. Ma stavolta, il servizio pubblico di raccolta non c’entra: il problema è causato da inquilini “incivili” che, nonostante le sanzioni e i bollini rossi di Nausicaa, continuano a gettare la spazzatura dove e quando non dovrebbero. Parliamo dell’isola ecologica che serve i due palazzi tra la via Vico Fiaschi e il viale XX settembre al civico 225 bis e ter ad Avenza.

L’isola è allestita all’interno del vialetto che conduce ad un’abitazione privata, e proprio sotto le finestre di un nutrito gruppo di residenti. Non solo: oltre a non fare la raccolta in modo consono, ovvero gettare la spazzatura a caso, alcuni condomini usano l’isola ecologica per la raccolta differenziata come piattaforma per abbandonare ingombranti, che Nausicaa ritira solo su richiesta e su suolo pubblico. Sta di fatto che ci sono delle porte a vetri da inizio estate, altri piccoli ingombranti da qualche mese, e sacchi neri piani di non si sa cosa. Il tutto a discapito del decoro e dell’igiene del primo condominio, quello che ospita i bidoni di trentasei famiglie. Insomma, un’indecenza gratuita.


Ricorda Luca Cimino, presidente di Nausicaa: «L’abbandono abusivo dei rifiuti, oltre ad essere un reato, rappresenta un atto di inciviltà che va a compromettere l'impegno della maggior parte dei cittadini, ed è una vera mancanza di rispetto soprattutto verso tutti coloro che fanno correttamente la raccolta differenziata. Ricordiamo che esiste un servizio gratuito di ritiro ingombranti che Nausicaa offre al territorio, così come è possibile portare i propri oggetti alla Ricicleria ad Avenza. Continuare a gettare i rifiuti in modo improprio è perciò un gesto da evitare, non solo per la tutela dell'ambiente, ma anche per la più corretta convivenza reciproca».A.P.

© RIPRODUZIONE RISERVATA