Contenuto riservato agli abbonati

La curva Nord è okay ma non riapre. Ecco perché

La commissione pubblico spettacolo rinvia l’utilizzo. La capienza resta a 900 posti (ma nelle ultime gare solo 300 biglietti)  

CARRARA. La curva Nord Lauro Perini non apre per Carrarese-Fermana: la commissione pubblico spettacolo provinciale ha prescritto una serie di migliorie alla gradinata, l’area già autorizzata e aperta al pubblico. In sostanza la Nord è ok, ma senza migliorie alla gradinata non si può aprire. È l'esito del sopralluogo effettuato giovedì mattina dalla commissione, che ha riscontrato una segnaletica non adeguata, la mancanza di una piccola balaustra e di un raccordo in un tratto di pavimento. I tifosi dovranno ancora pazientare per avere il settore unico, quello che unisce la gradinata alla curva Nord. Dovranno cioè attendere che l’amministrazione metta in pratica le prescrizioni e che la commissione faccia un nuovo sopralluogo. Dopo di che, se tutto filerà, liscio tra i posti del settore unico e quelli della Sud, lo stadio dei Marmi avrà una capienza di oltre 2.600 posti. Il tutto per un investimento di circa 60mila euro, che ha previsto diversi interventi tra cui i servizi per la curva e la messa a norma dei bagni della gradinata.

Da palazzo civico l’assessore ai Lavori pubblici Andrea Raggi rassicura che le migliorie saranno apportate in tempi rapidi. «I lavori di ampliamento vanno bene – dice – la commissione li ha promossi. Non è la Curva Nord il soggetto delle migliorie, ma la gradinata, nei settori già aperti – conclude Raggi –- in sostanza la Curva Nord non riapre nonostante i lavori vadano bene. È questione di poco tempo, le migliorie saranno effettuate in tempi rapidi».


Rassicurazioni sulla tempistica arrivano anche dall’amministrazione comunale, che in una nota scrive: «La commissione non ha indicato prescrizioni per la Curva Nord, vale a dire la zona di nuova apertura. Ha aggiornato il sopralluogo in attesa che vengano eseguite alcune prescrizioni riguardanti la gradinata, cioè l’area già autorizzata e aperta al pubblico. Va detto che la capienza prevista per la partita di sabato era stata fissata a 900 persone già da mercoledì dal gruppo operativo sicurezza. Si tratta di una indicazione che permette di soddisfare ampiamente la domanda vista l’esigua richiesta di biglietti registrata in occasione delle ultime gare (300 biglietti venduti per l’ultima partita in casa). Le prescrizioni riguardano migliorie da apportare all’area già autorizzata e prevedono per lo più l’adeguamento della segnaletica, mentre le uniche opere da eseguire sono l’installazione di una piccola balaustra e la realizzazione di un raccordo in un tratto di pavimento. Interventi che riguardano la gradinata già aperta non la curva. Effettueremo immediatamente gli interventi richiesti con l’obiettivo di aumentare la capienza per quanto, al momento l’affluenza allo stadio sia decisamente scarsa”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA