Contenuto riservato agli abbonati

Ex mercato coperto, un piano per la rinascita

L’ex mercato coperto di Avenza nel più totale abbandono

Avenza: un imprenditore del lapideo in campo per rilanciare il “colosso” in disarmo

AVENZA. Un gigante abbandonato. Un simbolo del degrado nel cuore di Avenza vecchia, a due passi dalla torre di Castruccio il monumento identificativo del paese.

L’ex mercato coperto, ormai da anni conserva solo un ricordo sbiadito delle bancarelle di frutta, verdura e formaggio che lo animavano ogni giorno. È chiuso, la struttura cade a pezzi e è divenuto anche una sorta di ricettacolo di macchine abbandonate. Non solo, la pioggia e le infiltrazioni hanno fatto a più riprese lanciare l’allarme per il rischio cedimenti, a cominciare dal tetto dove si forma una sorta di piscina naturale fatta di acqua stagnante.


Un luogo che, troppo spesso, è finito sulle cronache per le continue emergenze e per le promesse, e gli annunci (soprattutto in campagna elettorale) a cui non è mai stato dato un seguito.

Uno scempio - a livello strutturale - che Il Tirreno ha documentato, mesi fa, in un reportage sul posto. Un edificio che aspetta solo di tornare a nuova vita. Adesso, a dare un futuro (a stretto giro di posta) all’ex mercato coperto di Avenza ci pensa un imprenditore del lapideo che proprio nei giorni scorsi ha presentato un progetto per la sua rinascita. Un progetto legato al sistema della premialità del settore lapideo introdotto dalle nuove normative che lega il meccanismo delle concessioni agli investimenti sul territorio stesso. E non solo per quel che riguarda la filiera del marmo. Ecco quindi che il mercato coperto, o meglio quello che ne resta, è finito al centro di un intervento di riqualificazione importante.

Si tratta di creare nella struttura ormai in disarmo una serie di negozi ma anche lo spazio per uno show room del lapideo.

Un’idea innovativa visto che fino a oggi gli spazi espositivi del marmo sono sempre stati realizzati in periferia o in area industriale. Questa sarebbe la prima volta che arrivano nel centro storico, quello di Avenza appunto. E che potrebbe portare nuova linfa a una zona che chiede spesso di essere attenzionata anche a livello di iniziative e servizi.

Si tratta quindi di un progetto destinato non solo a riqualificare un edificio che cade a pezzi, ma anche una zona importante del territorio che da anni chiede a gran voce di realizzare nuovi progetti nello spazio dell’ex mercato.

E se, fino a oggi, le idee di portare a due passi da piazza Finelli alcuni uffici medici o nuovi insediamenti commerciali, erano rimasti chiusi nel cassetto, adesso si parla di un progetto quasi “chiavi in mano” con tanto di volontà dell’azienda del marmo che fa da regia a questo restyling massiccio, di mettere in atto grossi investimenti.

A questo punto non resta che aspettare i tempi: quelli della presentazione del progetto stesso e quelli che serviranno per rendere concreto quella che ha tutta l’aria di non voler essere relegata nell’ambito delle belle idee.

© RIPRODUZIONE RISERVATA