Contenuto riservato agli abbonati

Lucrezia nel “Paradiso delle signore”: «Ecco come sono stata scelta»

Lucrezia Massari

L'attrice carrarese avrà un importante ruolo nella fiction di Raiuno. «Tornare a lavorare è stata un’esperenza davvero incredibile»

CARRARA. L’attrice carrarese Lucrezia Massari torna in Tv, con un importante ruolo nella fiction “Il paradiso delle signore”, in programmazione su Raiuno, a partire dal 13 Settembre. Il suo personaggio (Flora) entrerà in scena il giorno 20 e promette di riservare al pubblico sorprese e colpi di scena inaspettati. Dopo la partecipazione recente nella serie “Pezzi Unici” dove interpretava il personaggio di Jess e aver maturato esperienza accanto ad artisti come Sergio Castellitto e Giorgio Panariello, la giovane attrice si cimenterà ora nell’interpretazione di questa fiction, che lo scorso hanno a raccolto numerosi successi. In che ruolo ti vedremo nella fiction? Puoi darci qualche piccola anticipazione? «È un personaggio di cui non posso ancora dire nulla, ma porterà delle nuove energie alla storia».

Come sei stata scelta?


Tramite provini, prima registrati (per via del covid) e poi in presenza. I lavori precedenti, come in qualsiasi lavoro, portano un bagaglio. I lavori precedenti sono stati viaggi, che oggi provo a proseguire ed arricchire.

Hai già lavorato in più produzioni e con alcuni big del settore, come Sergio Castellitto e Giorgio Panariello. Che bagaglio ti hanno lasciato le esperienze precedenti?

Ho provato a “rubare” con gli occhi ciò che loro davano con la loro recitazione. Ma stando assieme a loro, si impara anche solo a respirare la loro aria. Emanavano una consapevolezza a livello attoriale, che me li ha fatti percepire come buoni maestri. Di fronte a loro, mi sentivo una scolaretta.

Che sensazione provi quando rivedi le tue interpretazioni? E gli amici o i familiari cosa ti dicono?

Amici e familiari sono contenti. Preferisco però i feedback dei colleghi, che di solito sono più veritieri e tecnici. È comunque sempre piacevole ascoltare tutti. Mi sento sempre un battito, ogni volta che mi rivedo, una sensazione indefinibile.

Com’è stato tornare a lavorare dopo più di un anno di stop per l’emergenza sanitaria?

È una emozione incredibile. Non vedevo l’ora, perché mi sono sentita strappata via dal mio habitat per un anno, nonostante qualche lavoretto fatto post-quarantena. Erano però ruoli piccoli. Ci metteremo ancora un po’ a tornare alla normalità, ma sono contenta della ripresa e di questa nuova esperienza. Sarà strano, in positivo, continuare a girare nonostante ci siano già episodi che andranno in onda, un’esperienza che mi accompagnerà fino a febbraio. In pratica, gireremo le nostre scene e poco dopo saranno trasmesse. Per me, sarà un continuo flashback tra ciò che sto girando e ciò che vedrò andare in tv, per poi tornare il giorno dopo a recitare cose nuove. Una bella scissione mentale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA