Contenuto riservato agli abbonati

I medici apuani dell'Asl che guadagnano di più, al primo posto c’è Bagnoni. Ecco tutti gli stipendi

Giovanni Bagnoni, Alberto Baratta, Franco Passani e Giuliano Biselli

La parte più corposa del primario di dermatologia a Livorno arriva dall'attività in libera professione. A seguire Franco Passani e Alberto Baratta

MASSA. La cifra indicata in quel lungo elenco, pubblicato sul sito dell’azienda sanitaria, è lorda e complessiva dello stipendio, degli eventuali premi e delle entrate derivate dall’attività di intramoenia, quella che – per spiegare – il medico svolge all’interno delle strutture ospedaliere o ambulatoriali dell’Asl riconoscendo parte del sui guadagni all’azienda che lo ospita.

I PIÙ “RICCHI”


In quella lunga lista in cui sono riportati i nomi di tutti i medici e dirigenti amministrativi dell’Asl, l’apuano “più ricco” è il dottor Giovanni Bagnoni. Carrarese doc, dermatologo, primario a Livorno, è già stato al vertice della classifica. Nel 2020 ha guadagnato – ricordiamo che si tratta di cifra lorda – oltre 400mila euro (403.055,57 euro). La parte più corposa del reddito del dottor Bagnoni, medico di fama nazionale, deriva dall’attività libero professionale in intramoenia che lo scorso anno gli ha garantito un guadagno lordo di circa 282mila euro.

Al secondo posto un altro medico carrarese, da anni in vetta alla classifica di quelli che guadagnano di più in Asl. Si tratta di Franco Passani che, primario di oculistica a Massa Carrara, svolge anche attività libero professionale: se nel 2020, infatti, il suo guadagno lordo è stato di 304mila euro (304.300,14 euro), poco più di 176mila – stiamo sempre parlando di cifra lorda – derivano proprio dall’intramoenia. Se molti medici nel 2020 hanno superato quota 100mila euro – ma c’è anche chi ne ha guadagnato poco più di 30mila – Alberto Baratta, primario di emergenza urgenza, ha ampiamente oltrepassato quota 250mila: lo scorso anno, infatti, ha guadagnato 266mila euro lordi (266.094,43 euro).

Supera quota 200mila euro anche Alberto Conti, responsabile di tutti i pronto soccorso aziendali, Noa compreso: lo scorso anno le sue buste paga hanno raggiunto – sempre parlando di lordo – 217mila e 737 euro.

Supera quota 200mila anche Guliano Biselli, direttore dell’ospedale della Apuane e di quelli lunigianesi: nel 2020, l’anno della pandemia, ha guadagnato – sempre cifra lorda – poco più di 226mila euro (226. 225, 14). Guadagnano meno – almeno nel 2020 – il dottor Andrea Mambrini, primario di oncologia, con 125.564 euro lordi nel 2020 (di cui 11mila per attività libero professionale) e Graziano Memmini, primario della pediatria (116.117 euro).

Il primario della cardiologia dell’ospedale delle Apuane, il dottor Giuseppe Arena nel 2020 ha avuto buste paga per una cifra lorda complessiva di 145.926 euro dei quali poco meno di 26mila euro derivanti da attività libero professionali. Ha percepito una retribuzione lorda di poco superiore ai 140mila euro anche il dottor Maurizio Varese, responsabile del servizio prevenzione e del Sert. La differenza, nella definizione degli importi annui, la fa la presenza o meno dell’attività libera professionale in intramoenia.

Al vertice della classifica dei più pagati in Asl non ci sono donne: la stessa direttrice dell’azienda sanitaria Toscana Nord ovest guadagna parecchio meno dei tre medici al vertice della classifica apuana. La dottoressa Rigoletta Vincenti, pneumologa stimatissima nel 2020 – anno in cui, dopo 40 di lavoro è andata in pensione – ha guadagnato 120.890 euro lordi.

La dottoressa Letizia Casani, direttrice generale, lo scorso anno, ha guadagnato una cifra lorda, pari a 141mila e 654 euro.

LA DIRIGENZA AZIENDALE

Nell’elenco pubblicato qualche settimana fa dall’Asl ci sono,infatti, anche le retribuzioni dei dirigenti amministrativi e sanitaria dell’azienda. La direttrice generale Maria Letizia Casani, come dicevamo, ha percepito una retribuzione di 141.654 euro. Il direttore amministrativo dell’Asl toscana nord ovest Gabriele Morotti ha percepito 114.978 euro lordi nel 2020. Il direttore sanitario Luca Lavazza 50.207 euro: una cifra molto più bassa di quella dei colleghi perché ha assunto l’ incarico nell’ultima parte dell’anno.

La dottoressa Monica Guglielmi, responsabile della sanità territoriale nella zona di costa, lo scorso hanno ha ricevuto una retribuzione lorda pari a 101.729 euro. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA