Partaccia e camping, tra tante incertezze arrivano le prime prenotazioni estive

Via delle Pinete, in uno scatto prima dell’emergenza Covid, lungo la quale si trovano molti campeggi della Partaccia

Massa, gli italiani fissano la vacanze per i mesi di luglio e agosto. Stranieri in stand by e operatori preoccupati per il coprifuoco

MASSA. Ripartono anche i campeggi, con un cauto ottimismo: dal Primo Maggio, seppur alla spicciolata, stanno riaprendo i cancelli. Una voce importante quella dell’extralaberghiero che fa la parte del leone per numero i posti letto.

«Il Primo Maggio hanno aperto cinque o sei camping su 33 – fa il punto Marco Lucetti, presidente di Ageparc – ma tra il 6 ed il 15 arriveranno anche gli altri. Nei campeggi ci sono ancora delle piccole cose da sistemare, qualche puntini sulle “i”». Ciò che ha frenato la riapertura dal primo giorno di maggio è il poco preavviso che non ha consentito la programmazione: «Fino al 26 aprile c’era molta incertezza, tra campeggiatori e turisti. Mancando l’ufficialità fino all’ultimo momento, le persone hanno stentato ad organizzarsi. I turisti ci contattavano, ma erano, per così dire, frenati». Ora invece le cose pian piano si stanno sbloccando, specialmente per quanto riguarda gli “stanziali”, ovvero i proprietari di bungalow o roulotte, in gran parte provenienti dalle gialle Lombardia ed Emilia-Romagna e che potranno finalmente tornare alle proprie casette. Sono ancora poche, ma qualche targa forestiera in giro per Partaccia si vede. Una buona notizia, specialmente per i campeggiatori, è la conferma dei protocolli di sicurezza introdotti nel 2020: piazzole ben perimetrate, distanza di almeno tre metri tra le entrate frontali delle strutture, un metro e mezzo tra accessori comuni come tavoli e sedie; nel caso di bungalow o altre strutture in affitto ogni volta che cambiano gli ospiti gli ambienti dovranno essere igienizzati e disinfettati, comprese le suppellettili; altrettanto stringente la pulizia di docce e bagni in comune, da effettuarsi almeno due o tre volte al giorno. Sempre per questi spazi entrate ed uscite separate, accessi limitati così da assicurare la distanza di almeno un metro tra persone. Insomma, tutto quanto necessario per garantire un soggiorno in sicurezza, soluzioni che i campeggiatori hanno già sperimentato la stagione precedente. Secondo le previsioni del presidente Lucetti, «nella prima parte della stagione i turisti arriveranno, siamo cauti ma ottimisti. Ovviamente tutto il resto della stagione sarà in divenire; basta guardare il cambio di colore della Sardegna, che da bianca è diventata rossa». E rispetto alla scorsa stagione si intravede qualche spiraglio di ripresa: «Timidamente stanno iniziando le prenotazioni, pure per luglio ed agosto. Questo ci fa piacere e sperare, perché l’anno scorso di questi tempi eravamo in lockdown, e le prenotazioni erano un miraggio». Ancora troppo presto per ragionare sugli stranieri, anche perché alcuni nodi devono ancora essere sciolti, come la questione coprifuoco: «La nostra speranza è che in generale la situazione migliori, e quindi che il coprifuoco venga spostato, altrimenti dovremo pensare di organizzarci di conseguenza, perché dalle 22 in poi gli ospiti dovranno stare in struttura. Ma è pure difficile organizzare intrattenimenti, visto il divieto di assembramenti. É un problema perché le persone dovranno restare sì in campeggio, ma dentro la propria struttura. Stiamo valutando, ma allo stato attuale non troviamo soluzioni. L’ideale sarebbe posticipare il coprifuoco alle 23 o alla mezzanotte, non solo per noi ma anche per i servizi all’esterno». In conclusione, nonostante i dubbi che solamente l’andamento epidemiologico risolverà, sembra che all’orizzonte ci siano le prime avvisaglie di una stagione diversa da quella del 2020, tutta da dimenticare. Certo, i numeri non sono eclatanti, ma è vero che la pandemia è lungi dall’essere risolta, e molte persone temono ancora a prenotare le proprie vacanze, un po’ per la propria salute, un po’ per timore di vedersele vanificare da una zona rossa. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA