Contenuto riservato agli abbonati

I “no vax” attaccano il sindaco: bufera sui social

Centro messaggi in un’ora. Lo staff di De Pasquale ha rimosso da facebook il post sull’inaugurazione del centro vaccinale

CARRARA. Cento messaggi in meno di un’ora. Messaggi inneggianti alla inefficacia dei vaccini, con nozioni mediche e scientifiche prive di fondamento. Messaggi in cui veniva ripetuto con toni anche molto accesi che la pandemia non esiste.

È questo quello che è successo nella pagina facebook del sindaco di Carrara Francesco De Pasquale. Una pagina social che, come lo stesso sindaco ha più volte ripetuto, è nata un anno fa per tenere un rapporto stretto e continuo con i cittadini quando la pandemia aveva cominciato a diffondersi. Quando il lockdown lasciò una comunità attonita e spaventata.


Il sindaco De Pasquale ogni sera, attraverso facebook, faceva il punto della situazione attraverso un messaggio in diretta in cui parlava del numero dei contagi ma anche di come reperire le mascherine e gli aiuti previsti, ad esempio, per fare la spesa.

In quella stessa pagina social il sindaco continua a tenere aggiornati i concittadini sull’andamento del virus, da qualche mese con un consueto appuntamento del venerdì. E la pagina serve anche come documentazione di quanto viene fatto dall’amministrazione proprio in relazione alla pandemia.

Ed è proprio un post su facebook nella pagina di De Pasquale, quello relativo all’inaugurazione del centro vaccinale a CarraraFiere, ad aver scatenato la reazione dei no vax con tutta una serie di interventi che sono fioccati da utenze quasi interamente fuori provincia.

Un flusso di commenti tenuto costantemente sotto controllo ma che si è trasformato nel giro di poco tempo in una vera e propria valanga. Cento e più messaggi in meno di un’ora: informazioni mediche e appelli che avrebbero potuto risultare anche pericolosi per i tanti utenti della pagina social del sindaco. Il post sul centro vaccinale così, alla fine, su decisione del sindaco, è stato rimosso. –

© RIPRODUZIONE RISERVATA