“Il nostro canto libero” due giorni dedicati alle donne e alla poesia

AULLA. Su input della delegata comunale alle pari opportunità, Marina Pratici, oggi Aulla celebrerà il lungo cammino delle donne verso la libertà con l’iniziativa “Il nostro canto libero”.

L’appuntamento è per le 15, 30, in piazza 8 marzo. Porteranno i loro saluti il sindaco Roberto Valettini e la presidente della Consulta delle donne, Sabrina Erta, mentre a introdurre l’iniziativa sarà la stessa Marina Pratici. Seguiranno gli interventi della psicoterapeuta Simona Adorni (“Il vento delle emozioni: respiriamo libertà”) e dello psicologo Massimiliano Compagnone (“La linea sottile fra amori impossibili e piccoli miracoli”). Non mancheranno letture poetiche a cura Raffaella Agati, Silvia Barella, Alessandra Ciaralli e Lilly Jetti. Organizzato da Marina Pratici e dalla Consulta delle donne, l’evento si avvale del patrocinio del Comune di Aulla e della collaborazione dell’associazione “Culturalmente Toscana e dintorni”, dell’Union Mundial de Poetas por la Paz y por la Libertad, del Cenacolo intercontinentale “Le nove muse”, dell’associazione culturale “La Brunella”, dell’associazione “Lucciola…una luce nel buio”, dell’associazione “Gaia Alma Mater” e dell’associazione “La mansarda lilla”.


Domani, in occasione della “Giornata mondiale della poesia”, l’appuntamento sarà con “Parole di primavera”, in diretta Facebook sulla pagina del gruppo “Symposium: torneremo ad abbracciarci”. Introdotti da Marina Pratici e da Gaia Greco, declameranno componimenti poetici dedicati alla primavera i seguenti autori e scrittori: Sara Pacini, Alessandra Ciaralli, Ester Cecere, Erika Casanova, Franca Polini, Lucia Lo Bianco, Laura Delpino, Rita Bonini, Giovanna Lattanzio, Kiara Aradia, Rita Innocenti, Teresa Cacciatore, Angela Maria Fruzzetti, Natasa Butinar, Fabio Clerici, Roberta Incerpi, Emir Sokolovic, Gabriella Paci, Francesca Bianchi, Isabella Sordi, Arjan Kallco, Joan Josep Barcelo, Gian Maria Felicetti e Sara Lombardi. La rassegna poetico – letteraria è organizzata del gruppo Facebook “Symposium”. —G. U.

© RIPRODUZIONE RISERVATA