Nasce nell’agriturismo di famiglia, Mulazzo in festa dopo 48 anni

I complimenti del sindaco ai Farina. Nonno Antonio: siamo orgogliosi e Hugo è un bellissimo bambino

Mulazzo. «Sì, lo capisco, ma loro sono molto riservati. La scelta di far nascere Hugo in casa è stata ragionata e fa parte anche della loro scelta di vita. Colleghi le due cose e capisce il perché preferiscono non far apparire la foto».

Antonio Farina risponde così alla richiesta di una foto del piccolo nipotino Hugo con i genitori. Una decisione che è strettamente legata a quella di mamma Sarah Drouet, e del papà Matteo di far nascere il primo figlio nell’agriturismo di famiglia, Ca’del Bosco, nel verde delle colline lunigianesi.


Una terra che le famiglie Farina e Fedespina amano profondamente. «Mia moglie Mirta è l’unica lunigianese doc – sorride Antonio – Io sono milanese, e anche Matteo è cresciuto a Milano. Poi ha scelto di venire a vivere qui, dove mi ero già trasferito io dopo la pensione, insieme alla compagna Sarah, che è parigina. Sono entrambi architetti».

Hanno messo la loro passione e competenza a disposizione di Podere Fedespina e Ca’del Bosco, le due proprietà di famiglia. «Abbiamo rilevato il Podere nel 1990 da uno zio di mia moglie. C’è stato tanto lavoro da fare, tante cose da sistemare, ristrutturare. Ma ce l’abbiamo fatta». Un’azienda artigiana, di nicchia, che ama l’eccellenza. Così ama definire l’agriturismo e l’azienda vinicola Fedespina, Antonio Farina. Che ha trovato come base solida la terra lunigianese. «Avete una terra bellissima – commenta – A volte, mi sembra, apprezzata più dai forestieri che non dalla gente del posto. La nostra azienda è stata tra le pioniere del settore turistico negli anni’90. Eravamo in quattro, non di più. E abbiamo portato migliaia di turisti dal nord Europa». E ora? «Il Covid ha colpito ma stiamo recuperando, e dopo le vaccinazioni di massa sono sicuro che l’economia ripartirà».

Intanto il piccolo Hugo, nato la mattina del 25 febbraio, in un clima che già sapeva di primavera, può godersi la bellezza delle vigne dei nonni, che producono un ottimo Pinot nero, e l’allevamento di ovini che brucano l’erba.

«Davvero il sindaco Claudio Novoa ha scritto un messaggio su facebook? Mi emoziona – dice Antonio Farina – Lo riferisco a mio figlio Matteo quando torna. Sarah ha voluto partorire in casa. Una scelta che abbiamo rispettato. Non sapevamo che fosse il primo bambino nato a Mulazzo in casa da 48 anni». Un doppio motivo per festeggiare —

© RIPRODUZIONE RISERVATA